F1 | GP Bahrain 2020 – Velocità Massima Gara: Un Miracolo nel deserto

Il Gp del Bahrain ha lasciato scioccato il mondo intero a seguito del grave incidente di Romain Grosjean che  uscito praticamente indenne dalle fiamme. Da questa gara ricca di colpi di scena e momenti di grande paura ne esce vincitore ancora una volta Hamilton seguito dai due piloti della Red Bull Verstappen in P2 e Albon in P3.Ecco nel dettaglio la mappa delle velocità del GP del Bahrain. Bahrain 2020 Velocità Gara

Bahrain 2020 Velocità Gara
Analisi delle velocità di punta registrate durante il GP del Bahrain; Credits: Matteo Quattrocchi x F1inGenerale

Quello del Bahrain è stato un Gp davvero insolito. Poca azione in pista a discapito di un audience elevatissimo per i tragici eventi verificatisi. Al centro delle attenzioni sono stati anche Lance Stroll, che in un contatto con Kvyat ha letteralmente spiccato il volo finendo sotto sopra; e il suo compagno Perez che, saldamente in P3, a poche tornate dalla bandiera a scacchi vede la sua Power Unit prendere fuoco. Il passo del messicano è sempre stato solido per tutta la gara e, sebbene la sua velocità di punta sia stata solo di 328,3 km/h, l’assetto della sua monoposto si è dimostrato altamente performante tra le dune del Sakhir. Bahrain 2020 Velocità Gara

Confrontiamo alcuni valori: Bahrain 2020 Velocità Gara

Sebbene il confronto tra i due piloti della Mercedes veda un Valterri Bottas che, gara dopo gara, ormai non riesce più a guidare come si deve, i grafici delle velocità mostrano come la monoposto tedesca W11 sia altamente performante in ogni condizione di gara. Hamilton, dettando un passo solido e costante, è rimasto in testa con una velocità di punta di 316,4 km/h, mentre Bottas, nel traffico e in scia ha potuto dare sfogo di tutto il potenziale a disposizione toccando i 332,0 km/h. Meglio di lui soltanto il neo promosso pilota Ferrari Perez che ha toccato in staccata in Curva 1 alla SPEED TRAP i 333,8 km/h. 

Le due Renault hanno dato spettacolo con una lotta tutta ad armi pari e, sebbene abbiano chiuso piuttosto indietro dai primi, hanno acceso lo spettacolo. Quando Ricciardo ha ingaggiato il compagno Ocon, nella sua scia ha toccato i 332,0 km/h contro i soli 326,6 km/h del compagno francese.

I due piloti della Red Bull, con bravura di Max e fortuna per Alexander, chiudono il podio alle spalle di Hamilton. Sebbene la Safety Car abbia ricompattato il gruppo, tra i due piloti in tuta blu il gap prestazionale è sempre stato a favore di Verstappen. Nonostante questo Albon, sfruttando le scie, da prova di come la RB16 sia in grado di poter risalire grazie ad uno studio meccanico e aerodinamico davvero notevole. Il primo pilota ha toccato i 317,4 km/h, in linea con Hamilton, mentre Alexander i 327,7 km/h. Sinonimo che il Motore Mercedes rimane nettamente più performante in scia rispetto a quello Red Bull

I due piloti della Ferrari soffrono tremendamente nel caldo deserto del Medio Oriente. La causa è ovviamente da ricercare nel deficit di motore che non gli ha permesso di spingere forte sul dritto e generare sufficiente down-force nelle lunghe curve in appoggio. Vettel in scia ha toccato i 330,8 km/h mentre Charles, in difficoltà con le vetture più prestanti delle prime dieci posizioni, solo i 317,8 km/h.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

F1 | Grosjean non correrà questo weekend in Bahrain: lo sostituirà Fittipaldi

mm

Matteo Quattrocchi

Studente presso L’Università degli Studi di Pavia, fotografo sportivo e appassionato di motori da sempre.