F1 | GP Bahrain 2021, Sintesi gara: Hamilton vince in volata su Verstappen, Leclerc 6°

In Bahrain, il primo GP del 2021 se lo aggiudica Lewis Hamilton su Mercedes, precedendo un battagliero Verstappen e un Bottas decisamente sottotono.

GP Bahrain 2021

 

Il primo GP della stagione 2021 in Bahrain si chiude in modo spettacolare con un duello fino all’ultimo giro tra i due protagonisti annunciati. Lewis Hamilton e Max Verstappen si sono dati battaglia per quasi tutta la gara, ma ancora una volta il Campione del Mondo ne è uscito vincitore. Bottas chiude in terza posizione, lontano dai primi due, seguito da Norris, Pérez, autore di un’ottima rimonta, Leclerc, Ricciardo, Sainz, il debuttante Tsunoda e Lance Stroll.

La Ferrari è parsa migliorata rispetto alla scorsa stagione, ma c’è ancora tanto da lavorare se si vuole raggiungere le posizioni che contano davvero. Generalmente, questa F1 2021 parte con il più emozionante dei GP, mostrando come la lotta al titolo non sarà semplice come la scorsa annata per Hamilton e la corazzata Mercedes.

Prima metà di gara

Problemi per Sergio Pérez, la cui Red Bull si spegne sul finale del giro di formazione. Il messicano dunque è costretto a cominciare dai box. Partenza con tanto caos, e subito si scatenano le lotte: Leclerc sorpassa Bottas in uscita di curva 4 con un buon’incrocio di traiettoria, mentre le due McLaren percorrono insieme praticamente tutto il tratto iniziale. Paura dopo appena tre curve, alla vista di una macchina in barriera, la Haas di Mazepin, che causa una Safety Car.

GP Bahrain 2021

Al restart, Verstappen aspetta tantissimo prima di dare gas, mentre dietro Gasly tampona Ricciardo e rompe l’ala anteriore. Sainz si ritrova ai ferri corti con Stroll in curva 10, non riportando comunque danni. Nonostante l’olandese lamenti problemi al motore, questo non lo distrae e il margine con Hamilton oscilla tra il secondo e sette e i due secondi. Poco a poco, Leclerc viene passato prima da Bottas e poi da Norris. Chi appare in forma è Fernando Alonso, che sfruttando il caos iniziale si mette in settima posizione. Lo stesso spagnolo apre la danza dei pit stop, fermandosi al dodicesimo giro.

GP Bahrain 2021

E’ poi il turno di Norris e Leclerc, optando per la gomma media, seguiti da Hamilton, Ricciardo e Ocon il giro successivo. Mentre l’inglese vola con la bianca, l’australiano e il francese rientrano dietro ad Alonso. Ferrari non varia la strategia tra i due piloti, montando una gialla anche a Sainz. Segue poi, nei due giri successivi, un bellissimo triello tra i due spagnoli e Sebastian Vettel, nella quale Carlos sopravanza entrambi. Poco prima, Valtteri Bottas rientra spostandosi su gomma hard, cosa che non fa Verstappen, che, rientrando al giro 18, ritorna sulla media. Almeno inizialmente però, non sembra essere la scelta corretta, visto che le bianche di Hamilton si comportano alla perfezione.

Seconda metà di gara

Anche Vettel effettua la sua sosta, mentre Pérez inizia la sua rimonta personale, dopo essere tornato ai box per indossare una hard. Prima supera il tedesco dell’Aston Martin e Alonso, poi successivamente Sainz e Stroll. Hamilton rientra per la seconda volta al giro 29, decidendo di mantenere la bianca. Verstappen, che aveva iniziato ad essere parecchio pericoloso per il Campione del Mondo, continua nel tentativo di avere una gomma più fresca per il finale di gara. Leclerc invece, che dopo le soste si trova in quinta posizione, inizia a perdere terreno da Norris, splendido quarto, e Ricciardo, sesto, inizia a guadagnare.

Bottas rientra al 31esimo giro, ma il suo pit stop è disastroso, e il finlandese rientra dietro alla coppia Norris-Leclerc. Verstappen, intanto, si lamenta dei track limits: viene infatti informato dal suo ingegnere che le due Mercedes sfruttano in modo forse eccessivo l’uscita di curva 4, e risponde polemicamente contro la direzione gara, che non agisce di conseguenza. In una comunicazione successiva, i commissari informano che in fase di gara i limiti di pista non sono un problema.

Stroll intanto, dopo la sosta, inizia a guadagnare in maniera preoccupante sulle due Ferrari. Ai box dunque entra Leclerc, insieme a Ricciardo, con entrambi i piloti che montano gomma hard. Al giro 34, arriva il primo ritiro della stagione, ed è per Fernando Alonso, che lamenta un problema ai freni posteriori. La McLaren reagisce con Norris alla sosta di Leclerc, con l’inglese che rimane davanti, ma perde parecchio tempo durante il cambio gomme. La Reb Bull aspetta ancora parecchi giri per fermare Verstappen, ma il ragazzino chiede di rimanere fuori ancora qualche giro.

Gli ultimi giri sono tiratissimi tra Hamilton e Verstappen, con l’olandese che allunga tantissimo il proprio secondo stint, per avere una gomma molto più fresca del rivale.

Appare in forma l’Alfa Romeo, che, dopo aver distrutto con un errore ai box la gara di Giovinazzi, si ritrova decima con Kimi Raikkonen. Dietro al finlandese però, si trova uno splendido Tsunoda. Il giapponese è veloce, e al giro 39 sorpassa il 42enne, piazzandosi in zona punti.  Torna in pit lane anche Sainz, al quale i meccanici Ferrari montano una hard nuova. Rientra per la terza volta Pérez, che ritorna in pista con gomma gialla. Il messicano viene però sorpreso da un ottimo Stroll, proprio quando Verstappen monta una nuova bianca, pronto per spingere al massimo e andare a prendersi la vittoria. L’ex Racing Point ripassa subito il suo vecchio compagno di squadra, ora insidiato da Sainz che inizia a guadagnare.

Max è in modalità qualifica, e spinge alla grande di giro in giro, mentre Hamilton si gode un nuovo record: è ora il pilota che ha percorso più giri in prima posizione nella storia della Formula 1. Al giro 45, contatto in curva 1 tra Ocon e Vettel, con quest’ultimo che rimedia un lieve danno alla paratia sinistra dell’ala anteriore. Il tedesco tampona in pieno il francese, lamentandosi di un cambio di traiettoria dell’Alpine. Buon ritmo anche da parte di Sainz, che sorpassa Stroll al giro 46 per l’ottava posizione.

I primi due sono protagonisti di un inseguimento mozzafiato, con l’olandese che rimane muto via radio, mentre il sette volte Campione del Mondo chiede di essere lasciato tranquillo. Ma commette un errore in curva 10, regalando il DRS a Verstappen. Pérez sopravanza Leclerc per la quinta posizione. Max poi entra in azione, con uno splendido sorpasso in esterna di curva 4, ma esce di pista, e viene obbligato a restituire la leadership e l’inglese torna davanti. Improvvisamente, la gara del 23eene sembra compromessa, e negli ultimi giri perde ritmo. Arrivano in volata, ma è Hamilton che trionfa, davanti al talento della Red Bull e al compagno Bottas.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

F1 | Il Team Radio scherzoso di Gasly quando ha scoperto di essere dietro a Leclerc: “BAS*TARDO!” [VIDEO]

Simone Casadei

I sogni bisogna inseguirli da giovani. Quella che ora è solo pura passione, cercherò di trasformarla al più presto nella mia vita, nel mio lavoro.