F1 | GP Bahrain- Anteprima Haas- Steiner: “Mi piacciono le gare in notturna”

Il team Haas negli anni passati è riuscito ad ottenere discrete prestazioni sul circuito del Bahrain, sede dei prossimi due Gran Premi del Campionato 2020. Steiner apprezza le gare in notturna in paesi in cui di giorno è molto caldo, come il Bahrain.

Haas Steiner Bahrain
Credits Haas F1team

Il team Haas è arrivato nel Bahrain, dove si correranno i prossimi due Gran Premi, a distanza di una settimana, così come è già accaduto quest’anno in Austria e in Gran Bretagna.

Lo scorso anno la Haas si qualificò con entrambi i piloti nelle prime dieci posizioni, ma in gara fecero i conti con un calo delle prestazioni rispetto al sabato.

Nell’ultimo Gran Premio, disputato in Turchia, il team si è concentrato sui problemi sorti sulla mancanza di aderenza sulla nuova superficie della pista, esasperata dalle successive condizioni di bagnato durante il fine settimana.

Guenther Steiner, Team Principal, Haas F1 Team, a proposito della gara in Turchia ha dichiarato: “Gli organizzatori hanno cercato di fare del loro meglio, non avrei incolpato loro, avevano tutto che funzionava contro di loro. A quanto pare quando sono tornati la pista ha piovuto, quindi non hanno potuto gestire le auto. Sono successe molte cose che non erano previste. Lo stesso è accaduto nel fine settimana. Non solo la superficie era scivolosa, ma pioveva anche, il che lo rendeva ancora peggiore. Quindi, possiamo prenderla così e andare avanti da lì. Pensavo che la gara fosse abbastanza buona, non è stato un brutto risultato, ma non deve essere la norma”.

Tradizionalmente il Gran Premio del Bahrain è una gara di inizio stagione con molte squadre che hanno ancora a che fare con le loro nuove monoposto dopo i test pre-stagione e il Gran Premio d’Australia. Inoltre, la Haas negli anni scorsi ha ottenuto buoni risultati su questa pista.

Steiner non pensa che le loro monoposto si adattino meglio in questo circuito rispetto ad altri. “Non credo, che la pista del Bahrain che si adatta sempre alla nostra auto, almeno dal 2016, 17 e 18. Penso che in quelle gare fossimo nel posto giusto al momento giusto. Non c’è magia speciale in esso che sembriamo sempre correre abbastanza forte lì. L’unica cosa che direi è che mi piacerebbe vederlo accadere di nuovo quest’anno”.

Le ultime tre gare si correranno in Medio Oriente e in notturna, questo format non dispiace a Steiner: “Penso che le gare notturne siano molto belle. Ovviamente, se la maggior parte fossero gare notturne, allora non sarebbe più così bello, ma al momento le gare che abbiamo – mi piacciono molto. Sono davvero divertenti e lo cambia un po’. Aiuta perché durante il giorno in quei posti fa davvero caldo. Almeno la sera, quando il sole è tramontato, è molto più comodo lavorare per tutte le squadre. Penso che sia un’ottima cosa avere qualche gara sul calendario sotto le luci”.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

F1 | GP Bahrain – Sainz: “La costanza sarà la chiave”

Victoria L.

Lavoro come account in una web agency. Appassionata di Formula 1 e tifosa della Ferrari da quando vidi il Gran Premio di Jerez del 1997.