F1 | GP Bahrain- Le Renault a caccia di punti

Dopo i deludenti settimo e nono posto nel GP del Bahrain, le Renault cercano il riscatto sul nuovo layout del circuito di Sakhir. Per i due piloti Renault le qualifiche saranno molto impegnative.

Bahrain Renault
Fonte Renault F1

La Renault non è rimasta molto soddisfatta del Gran Premio del Bahrain della scorsa settimana, alla luce delle promettenti prestazioni del sabato.

Domenica si correrà ancora sul circuito di Sakhir, leggermente modificato. Inevitabilmente è ancora vivo il ricordo dell’incidente di Romain Grosjean (oggi dimesso dall’ospedale).

Daniel Ricciardo

Daniel Ricciardo ha espresso i suoi pensieri sul grave incidente: “In primo luogo, è un tale sollievo sapere che Romain [Grosjean] stia bene dopo quel terribile incidente al primo giro lo scorso fine settimana. È una testimonianza del progresso nella sicurezza nello sport e di tutto il brillante lavoro svolto da tutti coloro che sono stati coinvolti”.

A proposito delle modifiche al layout della pista, il pilota ha dichiarato: “In termini di pista, non è la prima volta quest’anno che rimaniamo nella stessa struttura per due settimane di fila, ma mi piace che abbiano cambiato un po’ questo con il layout “esterno” più corto. I tempi sul giro previsti di meno di un minuto saranno i più brevi che abbiamo mai fatto in Formula 1, quindi sarà interessante vedere come lo trovano tutti”.

Per Ricciardo, il momento più impegnativo del week end sarà quello delle qualifiche: “Le qualifiche saranno estremamente impegnative. Alla fine, si tratta di mettere insieme il giro perfetto e un piccolo errore ci farà perdere una mezza dozzina di posti, quindi non ci sarà spazio per errori. Cercheremo di capitalizzare il layout più breve nel miglior modo possibile”.

Benché nella gara precedente, le Renault siano andate a punti, è importante per il team raccogliere punti anche nella prossima gara, Ricciardo è ben determinato: “Il nostro obiettivo è un altro doppio punto, ma dobbiamo migliorare rispetto allo scorso fine settimana qui dove abbiamo chiuso settimo e nono. Domenica non siamo riusciti a trovare un ritmo costante, ma vediamo se la minore deportanza su questo layout farà la differenza. Ci sono solo due gare e non vedo l’ora di correre!”


Esteban Ocon

Anche il compagno di squadra Esteban Ocon è pronto per la sfida del week end, a proposito del layout del circuito ha dichiarato: “Sarà una sfida completamente nuova sul layout esterno del Bahrain. Penso che sarà particolarmente complicato in qualifica e potrebbe essere piuttosto occupato in pista! Se mettete tutte le auto in pista contemporaneamente, ci saranno piccoli spazi nel mezzo e sarà importante trovare un divario, pur trovando un flusso di scorrimento. Il circuito lungo è già una delle piste più facili da sorpassare e questo potrebbe anche essere migliore.”

Ho provato in pista sul simulatore e sembra impegnativo anche se è breve. È diverso dal resto della pista con cordoli alti ed è molto accidentato e probabilmente più basso su quella nuova parte che collega la curva 4 a dove la curva 13 è sul circuito normale. Farò una passeggiata in pista questa settimana perché non l’ho ancora vista sul serio. È un diverso livello di deportanza e configurazione, quindi sarà la cosa interessante per vedere quanto velocemente possiamo adattarci. Sono sicuro che troveremo la nostra strada.

Anche Ocon ha rivolto un pensiero a Grosjean: “Abbiamo trascorso qualche giorno libero per ricaricarci un po’ prima di debriefing completamente dalla gara dello scorso fine settimana. Chiaramente, non è stato il miglior risultato dopo un’ottima qualifica. Pensiamo che saremo migliori in questo layout esterno, quindi vediamo cosa possiamo fare. Mando i miei migliori auguri a Romain nella sua guarigione e sono contento di sentire che sta bene.”

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

F1 | Mick Schumacher “pronto” per debuttare ad Abu Dhabi, se Grosjean non dovesse correre

Victoria L.

Lavoro come account in una web agency. Appassionata di Formula 1 e tifosa della Ferrari da quando vidi il Gran Premio di Jerez del 1997.