F1 | GP Bahrain- Ricostruite le barriere di protezione per il Gran Premio di Sakhir

Le barriere di protezione che Romain Grosjean ha colpito nel suo terribile incidente durante il Gran Premio del Bahrain sono state ricostruite. Hanno aggiunto due file di pneumatici avvolti in un nastro trasportatore.

barriere Bahrain 1
Posizionate due file di gomme – credits @AlbertFabrega

Nuove barriere di protezione per il secondo Gran Premio del Bahrain sul circuito di Sakhir.

La Formula 1 utilizzerà il layout più corto del circuito esterno, che comprende il tratto in cui, domenica, è avvenuto l’incidente di Romain Grosjean.  La Haas del pilota francese ha colpito un guardrail metallico all’interno del circuito quando è andato fuori pista all’uscita della curva tre al primo giro della gara. La barriera ha portato molti danni. Diversi piloti hanno sollevato domande sulla tenuta della barriera. Infatti, il guardrail ha spezzato in due la Haas.

Prima della ripartenza della gara, il guardrail è stato sostituito con blocchi temporanei di cemento.

Le barriere di protezione sono state ricostruite. Hanno aggiunto due file di pneumatici avvolti in un nastro trasportatore per migliorare la sicurezza.

barriere Bahrain pneumatici
credits @AlbertFabrega

 

Questa non è la solo modifica in ottica sicurezza. Tra la curva 8 e la curva 9, è stato rimosso un cordolo sul lato destro che si avvicina alla curva per ridurre il rischio che le auto cambino traiettoria se dovessero salirci sopra.


Anche una barriera pneumatica sul lato destro che si avvicina alla curva nove è stata allungata e allargata, diventando profonda di quattro file.

La FIA ha annunciato oggi di aver iniziato la sua indagine,  sull’incidente di Grosjean. Pubblicherà i risultati tra circa due mesi.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

F1 | GP Bahrain, anteprima Red Bull – I piloti sul nuovo layout: “Difficile fare un giro senza traffico in qualifica”

Victoria L.

Lavoro come account in una web agency. Appassionata di Formula 1 e tifosa della Ferrari da quando vidi il Gran Premio di Jerez del 1997.