Formula 1Interviste

F1 | GP Bahrain, Sainz e le perplessità sulla Ferrari dopo le qualifiche

La Ferrari di Carlos Sainz ha chiuso solo al quarto posto le qualifiche del GP del Bahrain: ecco tutte le perplessità del pilota spagnolo sul risultato

Carlos Sainz si è accontentato del quarto posto nelle qualifiche del GP del Bahrain e scatterà dietro l’altra Ferrari di Charles Leclerc. Il pilota spagnolo che aveva trovato un buon feeling durante le prove libere, è sembrato in leggera difficoltà nel venerdì di Sakhir. Così, nonostante l’ottimo passo dimostrato nelle sessioni precedenti, sarà costretto a partire dalla quarta casella accanto alla Mercedes di George Russell.

Il numero 55 della Ferrari non ha poi evitato di parlare delle perplessità avute durante la sua sessione di qualifiche. “Penso che siamo stati molto forti fin dall’inizio della Q1, un po’ come abbiamo visto nelle FP1 e in generale durante i test. Eravamo molto buoni sul giro secco” fa notare Sainz.

gp bahrain sainz ferrari
@ Jacopo Moretti per F1ingenerale

Ho fatto un giro molto conservativo in Q2 e ho cercato di conservare quella gomma per la gara. Pensavo che avessimo due o tre decimi in tasca prima della Q3. Ma, per qualche motivo, quei due o tre decimi non sono mai arrivati ​​dalla Q2” racconta ancora lo spagnolo.


Leggi anche: F1 | Caso Red Bull-Horner, perché il regolamento FIA potrebbe condannarlo


Questo dimostra che forse c’è qualcosa su cui riflettere e va capito perchè in Q3 perché non abbiamo fatto i progressi che facciamo normalmente. Ma comunque, a parte questo, sono molto contento della macchina e sono contento dei progressi della squadra. E ora è il momento di andare a correre“.

Abbiamo fatto grandi passi avanti. Il nostro posteriore è migliorato e non solo quello. Sono sicuro che tutti i progressi fatti prima o poi emergeranno. Sicuramente abbiamo anche aumentato il livello di comprensione della monoposto e questo ci aiuterà sicuramente. La Red Bull sembra essere ancora molto forte ma noi vogliamo giocare le nostre carte. La stagione è lunga” conclude poi Sainz.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter