F1 | GP Bahrain – Cosa è successo durante il doppio pit stop Mercedes?

Breve analisi di tutto ciò che è successo durante il doppio cambio gomme in casa Mercedes. Pit Stop Mercedes

Pit Stop Mercedes

La gara stava procedendo nel migliore dei modi per i piloti Mercedes, il giovane Russell in testa e dietro di lui Bottas, si intravedeva già la doppietta Mercedes. Ma, come si sa, il mondo dello sport è imprevedibile, tutto può cambiare in un batter d’occhio. Pit Stop Mercedes

La gara fino a quel momento

Facciamo una breve analisi di ciò che era accaduto fino a quel momento. I due piloti Mercedes erano su una strategia ad una sola sosta. Entrambi avevano effettuato il cambio gomma da media a dura rispettivamente al 46 e 50 giro. La momentanea assenza di Lewis con entrambi i mondiali già conquistati avrà fatto rilassare troppo gli addetti Mercedes?

Momento cruciale

L’ala anteriore persa dalla Williams di Aitken – Foto F1.com

Durante la tornata 63/87 il debuttante della Williams Aitken perde il controllo della sua vettura nell’ultima curva andando a sbattere contro le barriere, perdendo l’ala anteriore in pieno rettilineo principale.

Questo avvenimento porta prima ad una Virtual Safety Car, che verrà trasformata in Safety Car effettiva al giro successivo.

In questo momento il team Mercedes decide di effettuare il doppio pit-stop per montare una gomma più morbida ai suoi piloti, più facile da tenere in temperatura dietro alla SC.


Qui avviene il fattaccio, a causa di un malfunzionamento della radio e di un errore da parte del muretto box, viene indicato ai meccanici di portare fuori prima le gomme del pilota n.77, Bottas. Peccato che in testa alla gara ci fosse il suo compagno, che avrebbe quindi effettuato il cambio gomme prima di lui. Questa seconda comunicazione, a causa di un malfunzionamento radio, non è mai arrivata ai box ed è qui che è nato l’errore.

Vengono così montate le gomme del compagno sulla macchina n.63, la vettura sbagliata.

Come si nota anche dal video, una gomma è anche sfuggita di mano ad un meccanico, che l’ha comunque ripresa in tempo, nella fretta di portare fuori le gomme corrette.

I meccanici si accorgono dell’errore nel pit-stop successivo, infatti sulla macchina del finlandese Bottas non vengono montate gomme nuove, ma solo smontate e rimontate le stesse coperture hard.

Gomma Pirelli con codice a barre
Il codice a barre univoco presente su tutte le gomme fornite da Pirelli. Spesso i team stampano verso di rotazione e iniziale dei piloti proprio per evitare errori nella frenesia dei pit stop.

Russell è quindi costretto a fare un ulteriore cambio gomme al giro successivo per montare un set di gomme a lui riservato.

Questa manovra ha fatto perdere molto tempo alla coppia di piloti Mercedes ora in P4 e P5.

Il regolamento

Da regolamento ogni pilota ha a disposizione 13 treni di gomme slick per ogni Gran Premio, non può quindi utilizzare più gomme di quelle a lui concesse. Questo fatto è la prima volta che si verifica dall’introduzione delle limitazioni sugli pneumatici e verrà inserita una nuova appendice al regolamento sportivo a partire dalle prossime stagioni.

Una regola analoga esiste per il tipo di mescola che si deve montare, ogni pilota deve avere 4 gomme della stessa mescola montate sulla vettura. Se durante il pit-stop venissero montate coperture diverse, il team ha 3 giri di tempo per risolvere il problema.

L’utilizzo di un gomme extra comporterebbe la squalifica dalla gara del pilota ma, essendo stato un errore risolto al giro successivo,;la FIA ha deciso di applicare solo una ammenda di €20.000 al team Mercedes.

Seguici anche su Instagram

 

F1 | GP Sakhir – Toto Wolff: “Caos al pit stop? Dovuto al malfunzionamento della radio”

 

Federico Martello

Vehicle Engineer student, MoRe Modena Racing Formula Student Team member