F1 | GP Bahrain – Sintesi e risultati FP3: Verstappen comanda davanti a Bottas e Gasly, Russell in P7

Verstappen davanti a tutti nelle FP3 del GP in Bahrain. Bottas è lì, davanti ad Ocon, Norris e Albon, Russell un po’ più indietro. Ferrari in P13 e P15.

gp bahrain fp3

A Sakhir iniziano le ultime prove libere del weekend: viene esposta la bandiera verde e le monoposto possono scendere in pista per le FP3 del secondo GP del Bahrain.

Un’ora ancora per prepararsi al meglio in vista delle qualifiche. Semaforo verde in pit-lane: 60 minuti nel crepuscolo del Bahrain. Il primo a scendere in pista è l’esordiente Pietro Fittipaldi, che chiude il primo riferimento in 0:56.499 con gomma soft, abbassato poi di due decimi.

In 15 minuti di FP3 ha girato solo Fittipaldi, che decide di rientrare ai box dopo diversi giri. Ne frattempo si preparano i piloti per entrare sul tracciato.

Cominciano i primi giri per tutti: la maggior parte dei piloti monta gomma morbida, Vettel e le Renault con gomma dura.


Leclerc si mette in testa alla classifica su gomma morbida in 0:55.253. A circa 35 minuti dal termine quasi tutte le vetture sono in pista. Si mettono davanti al monegasco Bottas, di due decimi abbondanti, Verstappen e Gasly. Il finlandese è su gomma soft, i due motorizzati Honda su hard.

Arriva sul traguardo George Russell ad abbassare di dieci millesimi il tempo di Bottas, che però si riporta avanti in 0:54.880. Nel frattempo si gira Max Verstappen in curva 2.

A mezz’ora dal termine Verstappen si mette in P3 con gomma dura, a soli 2 decimi dal leader. Si fanno notare in quarta e quinta posizione le AlphaTauri di Kvyat e Gasly, entrambi con mescola a fascia bianca.

Bottas abbassa il riferimento a 0:54.523, spingendo a quasi mezzo secondo il britannico.

Seconda metà di sessione

Gasly, sempre su gomma bianca, si porta alle spalle di Verstappen di soli 7 millesimi, ottima AlphaTauri in queste FP3.  A metà sessione la Top 10 è così composta: Bottas, Russell, Verstappen, Gasly, Kvyat, Leclerc, Ricciardo, Albon, Sainz e Perez. Vettel solo in P17, che ora entra in pista montando gomma soft.

20 minuti dalla fine: Sebastian Vettel si porta in seconda posizione alle spalle di Bottas in 0:54.858, a soli 3 decimi da Bottas a parità di gomma.

Anche i due Mercedes montano un treno di soft nuove. Bottas ribadisce la prima posizione in 0:54.270, Russell secondo a 4 decimi.

Nel frattempo Leclerc si mette davanti a Vettel di soli 4 millesimi. A 12 dalla fine i due ferraristi vengono sopravanzati dall’Alfa Romeo di Giovinazzi; Norris si porta in P2 e Albon in terza davanti a Russell.

Vettel va ai box e scende dalla vettura, al tedesco verrà cambiato il motore in vista delle qualifiche: sostituzione precauzionale.

Max Verstappen si mette al comando in 0:54.064, due decimi rifilati a Bottas. Arriva anche Gasly in P3.

Ocon si mette in P4 alle spalle di Verstappen, Bottas e Gasly. Scalano in P12 e P13 le due Ferrari. Pista che giro dopo giro si gomma sempre più.

Negli ultimi minuti sono in pochi a migliorarsi. Fatte le simulazioni di qualifica, i piloti si dedicano ai long run. Alla bandiera a scacchi è Verstappen a comandare davanti a Bottas e Gasly. Ferrari in P13 con Leclerc e P15 con Vettel. Leclerc si gira all’ultima curva nell’ultimo minuto.

Immagine

 

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

F1 | Grosjean racconta i 28 secondi trascorsi tra le fiamme

Francesco Rapetti

Aspirante giornalista, studente di Scienze Politiche all'Università di Genova. Appassionato di Formula 1 fin da piccolo.