F1 | GP Bahrain – Vettel: “Sono infastidito e arrabbiato, ho avuto un problema con le bandiere gialle”

Sebastian Vettel non ha iniziato al meglio il suo 2021 in Bahrain. Il pilota tedesco è rimasto fuori in Q1 per colpa delle bandiere gialle.

Vettel - Aston Martin - Bahrain
Foto: Aston Martin F1

Sebastian Vettel e la sua “Honey Ryder” erano tra le grandi attese di questo weekend in Bahrain. Il tedesco, complici le bandiere gialle di Mazepin e Sainz, non è però riuscito ad entrare nel Q2. Non l’inizio che il quattro volte campione del mondo e il team britannico speravano. Come dimostrato da Lance Stroll l’Aston Martin poteva puntare al Q3 anche se non con la stessa facilità del 2020. Vettel è comunque ottimista per la gara di domani essendo fortemente convinto che ci sia del potenziale. La posizione di partenza, la n.18, non è sicuramente la migliore ma il passo di Aston Martin pare abbastanza buono. Vettel non è l’unico ad aver avuto problemi con le bandiere gialle. Al termine del Q1 la FIA ha infatti messo sotto investigazione non solo il tedesco ma anche Ocon e i piloti che si sono migliorati per una possibile violazione del regime di bandiera gialla. Durante l’ultimo tentativo infatti ci sono state due gialle. La prima è stata causata da Mazepin che ha perso l’auto nel settore 1, la seconda per la SF21 di Sainz che si è spenta in modo anomalo nel settore 2.


Sebastian Vettel:

“Certamente penso che ci fosse il potenziale per essere molto più veloce, ho avuto un problema con le bandiere gialle durante il giro e ciò che ha reso impossibile una sorta di recupero. È quello che è, ora proviamo a vedere cosa possiamo fare domani. Sto imparando, penso che la qualifica sia stata buona, abbiamo ancora un sacco di lavoro davanti a noi, avremmo sperato in una partenza migliore ma è quello che è. Speriamo domani di fare una buona gara. Se mi facessi prendere dal panico ora, sarebbe d’aiuto? Sicuramente sono infastidito e arrabbiato in un certo senso, perché non è stata colpa nostra, ma dobbiamo prenderlo e fare quello che possiamo preparandoci per domani. Sicuramente è brutto perché per domani non è una buona posizione di partenza, ma la macchina era migliore in qualifica, che è buono, e speriamo di poter costruire su questo domani. Ovviamente, non siamo ancora dove vogliamo essere, ma stiamo lavorando molto duramente. È deludente perché penso che la macchina era molto meglio in qualifica – abbiamo fatto alcune piccole modifiche e sembrava fare una grande differenza – ma non siamo stati in grado di mostrare. Rimarrà un mistero fino a domani.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

 

F1 | GP Bahrain, la prima pole è di Max Verstappen: “Non era scontato ripetere quanto fatto nei test”

 

mm

Giada Di Somma

Appassionata di motori da sempre. Studio comunicazione a Roma e spero di poter rendere la mia passione un lavoro.