F1 | GP Baku – Anteprima McLaren, Norris: “Baku imprevedibile, spingiamo per ottenere il massimo”

Da un circuito cittadino all’altro, i piloti di casa McLaren si preparano al Gran Premio di Baku.

Baku McLaren
Lando Norris – McLaren F1 via Twitter

Altra settimana, altra gara, altro (grande) ritorno in Formula 1. Dopo l’assenza nel 2020 a causa dell’emergenza sanitaria, il Circus torna a fare tappa in terra azera per il Gran Premio di Baku. Dopo una Monaco dolce amara per il team di Woking, che ha visto da un lato ottenere uno strepitoso terzo posto grazie a Lando Norris e dall’altro un anonimo Daniel Ricciardo strappare la peggior prestazione stagionale (solo 12°), ora i piloti McLaren sono pronti a mettere da parte il Principato e a concentrarsi sulla gara che li aspetta.

Dopo un grande weekend a Montecarlo, così Lando Norris si prepara per l’Azerbaijan:

Essere sul podio a Monaco è stata una bellissima sensazione dopo un buon weekend da parte di tutto il team. Non vedo l’ora di salire di nuovo in macchina e gareggiare su un altro circuito cittadino per la seconda gara di seguito. Baku è una gara unica con un mix di lunghi rettilinei e curve lente che la rendono una sfida emozionante. È anche imprevedibile, perché hai sempre la sensazione che ci saranno opportunità e quindi dobbiamo essere pronti a coglierne la maggior parte.”

“La concorrenza sta offrendo grandi battaglie in pista. Noi dobbiamo continuare a spingere per ottenere il massimo dalla macchina e stare fuori dai guai. Non c’è spazio per gli errori nei circuiti cittadini. La chiave per noi sarà la costanza durante il weekend per riuscire a portare a casa una buona quantità di punti domenica.”

Monaco non altrettanto fortunata per l’altro pilota McLaren, Daniel Ricciardo, che dopo un weekend sottotono in quella che è sempre stata una delle sue gare migliori vuole rilanciarsi a Baku:

“È stato importante prendermi del tempo dopo Monaco per resettare tutto e focalizzarmi su Baku. Insieme al team abbiamo lavorato molto duramente per capire e analizzare le aree dove dobbiamo migliorare. Sappiamo che la macchina ha un buon potenziale, dobbiamo solo mettere tutti i pezzi insieme per farlo uscire. C’è ancora però quell’elemento di adattamento alla nuova macchina che sono sicuro uscirà con il tempo. Continuerò a lavorare e cercherò di essere tutt’uno con la macchina.

“Baku è davvero un bel circuito cittadino, una pista conosciuta per avere uno dei più lunghi rettilinei di tutto il calendario. È una di quelle gare dove potenzialmente può succedere di tutto. Speriamo di riuscire a trovare il feeling fin da venerdì e avere un solido weekend.”

Leggi anche: F1 | “A Monza tribune piene al 70-80%”: l’auspicio di Sticchi Damiani per il GP d’Italia

Seguici anche sui social: Telegram – Instagram – Facebook – Twitter

Sara Cigagna

Classe 2001, studentessa di Linguaggi dei Media presso l'Università Cattolica di Milano e aspirante giornalista innamorata della F1.