F1 | GP Baku – Prove libere McLaren, Norris: “Fatica nelle FP2, ma c’è molto margine di miglioramento”

Ottimismo in casa McLaren dopo le prove libere del GP di Azerbaigian a Baku: le impressioni di Norris, Ricciardo e Stella.

mclaren baku libere

La Formula 1 approda a Baku per il Gran Premio di Azerbaigian. Nella prima giornata in pista del fine settimana azero, le due McLaren di Norris e Ricciardo mostrano potenziale ma non brillano sino in fondo. Al termine della prima sessione mattutina le due Papaya di Woking sono sembrate in palla con un quinto ed un ottavo posto messi a segni con giri poco puliti. Alla bandiera a scacchi delle FP2 del pomeriggio Norris ha concluso nella medesima posizione delle FP1, la P8, Ricciardo si è classificato in P13. Vediamo le impressioni dei piloti del team britannico. mclaren baku libere

“Una buona giornata”, apre Norris. “C’era caldo, ma nel complesso non è andata così male! Nelle prime libere siamo andati piuttosto bene, nelle FP2 abbiamo faticato di più. Cercheremo di capire se abbiamo faticato a causa di qualche azione nostra sul setup oppure a causa delle condizioni della pista“.

Il giovane inglese volge poi lo sguardo al sabato:C’è molto margine di miglioramento. Vediamo cosa si può fare con i dati raccolti per migliorare la vettura”.


Leggi anche: F1 | Ufficiale: cancellato il GP di Singapore, ecco il comunicato


Simile l’opinione del compagno di box, l’australiano Daniel Ricciardo: “È stata una giornata abbastanza buona, abbiamo fatto progressi. Non sempre i tempi sul giro secco mostrano tutta la storia, sostiene l’ex Red Bull. Penso che siamo molto più vicini di così. Dobbiamo ancora lavorare duro, ma sono fiducioso per sabato”, conclude il pilota Perth.

Dopo le parole dei piloti, è il turno di Andrea Stella, Direttore Esecutivo: Venerdì interessante e produttivo senza grandi inconvenienti: abbiamo raccolto molti dati in una pista che rappresenta una sfida per tutti”.

“I piloti devono vedersela con il basso grip e i muri, gli ingegneri devono fare la difficile scelta di adottare la miglior configurazione dell’ala posteriore possibile, dice l’italiano. “È stata una giornata incoraggiante e la macchina sembra ad un buon punto: partiamo da qui per costruire una buona qualifica ed una gara positiva”.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

 

Francesco Rapetti

Aspirante giornalista, studente di Scienze Politiche all'Università di Genova. Appassionato di Formula 1 fin da piccolo.