F1 | GP Barcellona 2021 – Analisi post gara Pirelli: Le gomme protagoniste del weekend

Quarto appuntamento nel post gara con l’analisi dei dati Pirelli. Dopo una bella lotta al via, GP di Barcellona ha regalato tante emozioni soprattutto per le strategie. Una lotta serrata tra Max e Lewis sulla gestione gomme per il controllo della vetta si contrappone all super risultato Ferrari di Leclerc alle loro spalle. Barcellona 2021 post gara Pirelli

Barcellona 2021 post gara Pirelli
Credits: @ScuderiaFerrari

I punti salienti della gara: Barcellona 2021 post gara Pirelli

  • A Barcellona,  Lewis Hamilton e la Mercedes conquistano una gara con una perfetta strategia: due soste e una scelta soft-medium-medium hanno permesso all’inglese di raggiungere e superare Max Verstappen. inizialmente l’olandese aveva cercato di tenerlo a bada tentando di effettuare una sola sosta da soft a medium.
  • Dopo che Hamilton lo ha superato, Verstappen ha effettuato una seconda sosta per montare pneumatici soft ed ottenere così il punto extra per il giro veloce di gara.
  • Esteban Ocon, nono alla bandiera a scacchi, è stato uno degli unici due piloti a fermarsi una sola volta, passando da soft a medium. L’altro pilota è stato Kimi Raikkonen che, al contrario, è partito su medium per poi passare su soft.
  • Le temperature dell’asfalto sono state circa 10 gradi più basse durante la gara rispetto alle qualifiche, intorno ai 32 gradi centigradi (e 26 gradi di aria).

 

 

Queste le parole di Mario Isola, responsabile Pirelli F1 e Car Racing:

“Quella di oggi è stata un’intensa battaglia strategica, quindi forse è sorprendente che alla fine i primi quattro abbiano concluso esattamente come erano partiti in griglia. Il tutto sorprende nonostante molti movimenti di posizione e pit stop durante la gara. Le temperature più fresche di oggi hanno permesso un ampio uso delle soft e medie. Queste gomme hanno portato moltissimi piloti ad effettuare due soste. La maggior parte di loro è passata da soft a medium dopo il primo stint e ha permesso anche una certa flessibilità in termini di strategia. Ad ogni modo, è diventato presto chiaro che qui sarebbero state necessarie due soste a causa dell’asfalto abrasivo e degli elevati carichi imposti da questo circuito.”

 

 

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

 

F1 | GP Spagna – Hamilton: “La partenza è stata proprio al limite, dopo è stata una caccia”

mm

Matteo Quattrocchi

Studente presso L’Università degli Studi di Pavia, fotografo sportivo e appassionato di motori da sempre.