F1 | GP Belgio – Masi: “Continuavamo a ritardare la partenza perché speravamo in un miglioramento del meteo”

Il direttore di gara Michael Masi ha affermato che i continui ritardi della partenza erano dovuti all speranza di un miglioramento del meteo.Masi partenza meteo

Il direttore di gara Michael Masi ha affermato che i continui ritardi della partenza erano dovuti all speranza di un miglioramento del meteo. I piloti hanno completato un solo giro ufficiale di corsa dietro la Safety Car in tre ore. Questo dopo l’orario di inizio programmato a causa della pioggia battente. Da regolamento non è possibile assegnare punti per una gara di F1 a meno che non siano stati completati almeno due giri. Il gruppo è stato, quindi, rispedito in pista alle spalle della Safety Car ma è stato richiamato dopo appena due giri.

Masi ha detto che il gruppo è stato mandato in pista alle 18.17 perché la FIA aveva visto un potenziale miglioramento del tempo e sperava di continuare la gara.

Era per vedere come erano le condizioni“, ha detto a Sky. “Siamo in costante contatto con il nostro fornitore ufficiale di previsioni meteorologiche. C’era una finestra che sembrava potesse far iniziare la gara. Abbiamo l’obbligo di dare un avvertimento di 10 minuti a tutti, quindi è stato come ‘ok, proviamo a vedere se riusciamo a trovare quella finestra’. E un certo numero di squadre aveva detto la stessa cosa, hanno visto quella finestra e potevano vedere esattamente cosa stavamo cercando di fare per trovare quella finestra meteorologica. E poi è arrivata pioggia e ha avuto di nuovo la meglio su di noi”.

Rinviare la gara a lunedì non era un’opzione per motivi logistici, ha confermato Masi, a causa del numero di persone necessarie per organizzare un evento.


Leggi anche

F1 | GP Belgio – Verstappen: “Avevo detto di partire, pensavo che le condizioni fossero discrete”


 Le dichiarazioni di Masi

Non è possibile posticipare la gara a domani“, ha detto. “Ovviamente dal punto di vista della FIA, e insieme alla Formula 1, la sicurezza è fondamentale per i piloti, i team e tutti gli spettatori.”

Abbiamo cercato ogni opportunità disponibile all’interno del regolamento, all’interno di quanto previsto dal codice sportivo internazionale, per darci la migliore opportunità di poter completare una gara. E così purtroppo in questa occasione non abbiamo potuto percorrere tutta la distanza del GP.”

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

 

Alessia Malacalza

Classe 2000, aspiro a lavorare nel mondo dello sport. Studio Comunicazione d'impresa e relazioni pubbliche a Milano.