F1 | GP Belgio – Sainz avvilito dopo le qualifiche: “Dopo Imola pensavo fossimo veloci con la pioggia”

È un Carlos Sainz scuro in volto al termine delle qualifiche del GP del Belgio: lo spagnolo non salva nulla della Ferrari vista finora.

È un torvo Carlos Sainz quello che si è presentato ai microfoni di Sky Sport Italia al termine della seconda manche di qualifiche del Gran Premio del Belgio. Il 26enne spagnolo non salva nulla del sabato del Cavallino, che ha portato entrambe le rosse di Maranello all’esclusione dal Q2. sainz ferrari qualifiche belgio

Lo spagnolo, che si è classificato in tredicesima piazza nel piovoso pomeriggio di Spa-Francorchamps, è scuro in volto, e commenta: “È stato molto difficile con la pioggia”.

“Non trovavo grip nella vettura”, commenta l’ex McLaren. Sainz spiega la cocente delusione: A Imola avevo avuto un grande feeling con la SF21 sul bagnato. Mi aspettavo per questo una monoposto molto forte sulla pista bagnata“.


Leggi anche: F1 | GP Belgio – Leclerc escluso in Q2, il team radio: “Che ca**ata, dobbiamo parlare”


“Per qualche motivo però non stiamo andando bene, non riusciamo a trovare la performance e non riusciamo a portare temperatura sulle gomme anteriori, prosegue il madrileno del Cavallino. “Troveremo sicuramente qualcosa da analizzare e investigare. Oggi però è una dura giornata, anche perché sono condizioni che a me piacciono molto”.

Carlos volge lo sguardo al gran premio domenicale, senza però mostrare molte speranze: “Vedremo come andrà. Al momento, secondo me, dobbiamo trovare qualcosa di grosso per migliorare sul bagnato. Se non troviamo nulla sarà una gara simile alla qualifica, un GP fuori dalla zona punti, continua il ferrarista.

“Sono certo che il team darà del proprio meglio per migliorare, ma al momento vedo la situazione difficile, dice Sainz. L’ex Toro Rosso, interpellato sulla differenza di competitività con intermedie e full wet, dichiara: “Non sappiamo se abbiamo difficoltà solo con una delle due mescole, non abbiamo fatto abbastanza giri per capirlo. Anche il feeling con le full wet non era comunque buono, conclude lapidario il pilota.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

Francesco Rapetti

Aspirante giornalista, studente di Scienze Politiche all'Università di Genova. Appassionato di Formula 1 fin da piccolo.