F1 | GP Belgio – Mercedes, Russell: “In gara eravamo più veloci delle Ferrari”

George Russell commenta il suo risultato nel GP del Belgio effettuando anche un confronto tra le prestazioni di Mercedes e Ferrari.

George Russell, GP del Belgio 2022 (@Mercedes F1 Press Office)

George Russell ha concluso il GP del Belgio in quarta posizione, a 2 secondi da Carlos Sainz in P3. Seppur rammaricato per aver mancato per poco il podio, si è detto soddisfatto della prestazione della sua Mercedes, a suo dire in gara più veloce della Ferrari. Ecco le sue dichiarazioni post Gran Premio.


Leggi anche: F1 | GP Belgio – Leclerc scopre della penalità dai giornalisti: “Non mi è stato nemmeno detto” [VIDEO]


Le parole di Russell

Il pilota Mercedes George Russell ha così commentato il risultato ottenuto: “In questo momento ho sentimenti contrastanti perché, se ieri sera mi avessero detto che saremmo stati per merito a due secondi dal podio, avrei risposto che si sarebbe trattato un buon recupero. Quando alla fine stavo recuperando su Carlos un secondo al giro ho pensato “ci siamo: questa è un’occasione davvero buona“. Tuttavia, poi ho fatto due giri troppo duri sulle gomme mettendole fuori dalla finestra di utilizzo. Quando i pneumatici sono nella giusta finestra, la macchina si trasforma in positivo ma, appena le ho perso questa condizione, ho capito che le chance di podio erano andate. Nel complesso, considerando dove eravamo, P4 a due secondi dal podio, non è un brutto risultato“.

Successivamente Russell ha analizzato il confronto tra le prestazioni di Mercedes e Ferrari nel GP del Belgio: “Oggi il nostro passo di gara era probabilmente migliore di quello delle Ferrari. Carlos è partito dalla pole, era in testa al primo stint e ciononostante lo abbiamo raggiunto. Quindi, nel peggiore dei casi, penso che oggi fossimo alla pari con la Ferrari, ma come sappiamo, è spesso un’altalena. Ciò che è chiaro è che Max sta prendendo il volo“.

Seguici anche sui social: Telegram – Instagram – Facebook – Twitter

Matteo Venezia

Studente di ingegneria meccanica, classe 2002. Appassionato e studioso della tecnica di Formula 1, in particolare dell’area strategica.