F1 | GP Belgio – Wolff ed il conto in sospeso a Spa: “Non vinciamo dal 2017. Pioverà, non sarà semplice”

Alla vigilia del Gran Premio del Belgio, Toto Wolff ha commentato il gran lavoro portato a termine dal proprio team nel weekend di Spagna, sottolineando poi quali saranno le sfide che la squadra dovrà affrontare per il GP del Belgio, gara nella quale non trionfano dal 2017.

Wolff Belgio
Credits: Mercedes

Questo weekend la F1 torna a far tappa in Belgio, Gran Premio dai ricordi dolci amari per gli appassionati di questo sport. Da un lato la prima vittoria in F1 di Charles Leclerc, dall’altro la tragica morte di Anthoine Hubert, un evento che ha lasciato un marchio indelebile nella memoria e nella storia di questo sport.

Mercedes sbarca nelle Ardenne reduce da un gran successo in Spagna: dopo le enormi difficoltà di Silverstone, la squadra è riuscita nell’impresa di comprendere il problema in una manciata di giorni e tornare in pista in ottima forma sul tracciato di Catalogna. Ci sono ora tutte le condizioni per riprendere a trionfare anche a Spa, tracciato nel quale Mercedes non sale sul gradino più alto del podio dal 2017. Due anni di insuccessi che rappresentano un’anomalia per il team tedesco.

Il commento di Toto Wolff alla viglia del GP del Belgio

Toto Wolff ha dapprima raccontato gli sforzi compiuti per assicurarsi la vittoria nel GP di Spagna, soffermandosi anche sulla firma del Patto della Concordia degli ultimi giorni:

“Abbiamo visto il vigore del nostro team riaccendersi in Spagna: dopo aver faticato a Silverstone, abbiamo analizzato i nostri problemi e abbiamo provato a trarne le giuste conclusioni in pochissimi giorni. Molte persone hanno lavorato instancabilmente per avere una buona gara a Barcellona e la nostra ottima performance di domenica è stato il risultato degli sforzi. Vincere in spagna è stata una grande ricompensa per tutto il lavoro dei giorni precedenti e mi ha reso molto orgoglioso vedere come la squadra abbia continuato ad alzare l’asticella.

“Lo scorso weekend, noi e le altre nove squadre abbiamo poi firmato il nuovo patto della concordia. Abbiamo sempre detto che vogliamo restare in Formula 1, quindi la firma del patto non era necessariamente una sorpresa, ma siamo felici di aver portato le negoziazioni ad una conclusione positiva. Siamo impegnati nel nostro sport e non vediamo l’ora dei prossimi anni nei quali vedremo la più grande rivoluzione in F1 mai vista. Verranno premiati i team flessibili e con mentalità aperta che potranno adattarsi con successo alle richieste delle nuove regole.”

Wolff: Una nuova tripletta di gare e le sfide del Belgio

“Dopo un weekend di stop, continua Wolff, iniziamo ora la terza “tripletta” di gare consecutive. La prossima corsa ci porterà a Spa, dove non vinciamo dal 2017, quindi ci sono conti in sospeso in Belgio. E’ un tracciato iconico e uno dei preferiti dai fan, ma trovare il giusto set-up può essere difficile a causa delle svariaste caratteristiche. Da un lato vuoi avere meno drag possibile per i lunghi rettilinei, ma dall’altro vuoi un certo livello di downforce per essere veloce nelle curve. E’ inoltre prevista pioggia nelle Ardenne, il che non renderà il lavoro più semplice.”

Nel segno di Hubert

“Questo weekend sarà anche il primo in cui torniamo in Belgio dopo la tragica perdita di Anthoine Hubert dello scorso anno. E’ stato un giorno buio per l’intera comunità del motorsport, i nostri pensieri saranno sempre con la sua famiglia e con i suoi amici, lo ricorderemo questo weekend.

Seguici anche su Instagram

F1 | Scoperta la causa del ritiro di Leclerc in Spagna

Davide Galli

Studente di giurisprudenza e appassionatissimo fin dall’infanzia di Formula 1. Amo qualunque cosa faccia "bruum"