F1 | GP Brasile: Analisi simulazione qualifica e passo gara

La Mercedes fa doppietta nelle prove libere di Interlagos, ma nel passo gara c’è grande equilibrio. GP Brasile analisi

GP Brasile analisi
Foto: formula1.com

 

Valtteri Bottas conquista la prima posizione nell’ultima sessione di prove libere, iniziando nel migliore dei modi il weekend brasiliano. Il fillandese ha battuto per soli tre millesimi il tempo del proprio compagno di squadra Lewis Hamilton che ha preceduto la rossa di Sebastian Vettel. Le due frecce d’argento sono state le più veloci dopo la simulazione qualifica, ma senza un grande vantaggio sulla concorrenza. Vettel ha chiuso la sessione con un ritardo di appena 73 millesimi dalla Mercedes di Bottas. La gara sarà molto combattuta per l’importante posta in palio, la conquista del titolo costruttori potrebbe essere una grande impresa per la Ferrari, mentre per la Mercedes si potrebbe rivelare solo una formalità, sicuramente, la Red Bull e il meteo potrebbero giocare un ruolo fondamentale in questa sfida. La Red Bull si è confermata all’altezza di Mercedes e Ferrari al netto della penalizzazione di Ricciardo in griglia; mentre le previsioni meteo sembrano dare un’importante probabilità di pioggia per qualifica e gara.

Simulazione qualifica:

Nella simulazione qualifica la Mercedes è stata la più veloce iin assoluto con un ottimo tempo di Valtteri Bottas, nonostante questo sicuramente si prospetta una grande battaglia per la pole postion visto i distacchi ristretti tra i primi sei classificati. Molto bene la Haas di Romain Grosjean, il primo classificato della cosidetta “F1-B” e l’unico tra questi ad aver fatto segnare un tempo con un distacco inferiore al secondo. Alle spalle della Haas inseguono Sauber, Force India e Toro Rosso, che torna davanti ai due motorizzati Renault.

Di seguito la classifica dei tempi combinati del venerdì:

1. Mercedes (Valtteri Bottas) 1:08.846s

2. Ferrari (Sebastian Vettel) 1:08.919s +0.073s

3. Red Bull (Daniel Ricciardo) 1:09.164s +0.318s

4. Haas (Romain Grosjean) 1:09.769s +0.923s

5. Sauber (Charles Leclerc) 1:09.943s +1.097s

6. Force India (Esteban Ocon) 1:10.159s +1.313s

7. Toro Rosso (Pierre Gasly) 1:10.330s +1.484s

8. McLaren (Fernando Alonso) 1:10.332s +1.486s

9. Renault (Carlos Sainz) 1:10.458s +1.612ss

10. Williams (Sergey Sirotkin) 1:10.569s +1.723s

Simulazione passo gara:

Nella simulazione del passo gara, la Ferrari è stata la più veloce grazie a un’ottima prestazione su gomma Soft, ma Red Bull e Mercedes non sono state di meno confermando quanto equilibrio ci sia tra i primi tre team; la gara potrebbe preservarci una corsa tiratissima come accadutoqualche settimana fà ad Austin. Dietro ai top team si confema la Haas seguita dalla Sauber, da sottolineare il passo gara di Charles Leclerc, incredibilmente veloce e pronto a replicare la zona punti conquistata in Messico. Entrambi i team motorizzati Ferrari potrebbero entrare in zona punti ma dovranno guardarsi le spalle dalla Force India e dalla McLaren. Molto deludente la Renault che è stata protagonista di un incidente con Nico Hulkenberg al termine della seconde sessione di prove libere, incidente a parte quello che preoccupa è in particolare la prestazione della vettura e forse anche l’affidabilità.

Di seguito la classifica del passo gara:

1. Ferrari 1:12 alto/1:13 basso

2. Mercedes +0.2s

3. Red Bull +0.3s

4. Haas +0.8s

5. Sauber +0.9s

6. Force India +0.9s

7. McLaren+1.0s

8. Toro Rosso +1.1s

9. Renault +1.2s

10. Williams +1.6s

Il Monitor dei Tempi – GP Brasile 2018 [FP2] – La sessione più equilibrata dell’anno!

F1 | GP Brasile: Analisi simulazione qualifica e passo gara
Lascia un voto