F1 | GP Brasile – Ocon: “Il comportamento di Verstappen mi rattrista”

Un weekend da dimenticare quello del Brasile per Ocon. Il francese, costretto a partire diciottesimo a causa della sostituzione del cambio, dopo una buona rimonta rovina la sua gara e quella di Verstappen. Esteban però non ci sta e risponde a Max: “La mia manovra era legittima, è lui a non avermi lasciato spazio”.

Foto F1

Dichiarazioni Ocon

“È frustrante non portare a casa dei punti considerando il passo che avevamo. Durante la gara ho fatto buoni sorpassi, ma tutto ciò non è servito a nulla dopo il contatto con Max.” 

Il contatto tra i due ha ovviamente penalizzato entrambi i piloti, seppur con obiettivi completamente diversi. Il francese spiega così la dinamica dell’incidente:

“Verstappen è uscito dalla pit lane, sono stato dietro di lui per un paio di giri ma ero nettamente più veloce, così il team mi ha consigliato di sdoppiarmi. A quel punto ho preso l’interno in curva uno, lo stesso movimento fatto con Fernando e  molti altri piloti prima ma Max non mi ha lasciato spazio. Una volta trovatomi accanto a lui non potevo scomparire, per questo ci siamo toccati; io ero all’interno e avevo diritto ad avere spazio.”

“Sono dispiaciuto per il suo comportamento alla fine della gara: è stato veramente aggressivo e i ragazzi della FIA sono dovuti intervenire. Non è questo il modo per affrontare queste cose.”

Lo scenario delineatosi sembra riportare la formula uno indietro di qualche anno. In una F1 dominata dal “politicaly correct” e fortemente influenzata ancor di più da Liberty Media in tal senso, immagini come queste hanno un sapore alquanto vintage per gli appassionati di vecchia data. Verstappen non le ha mandate a dire (sia verbalmente che fisicamente), Ocon ha risposto alla sua maniera: la nuova generazione di piloti non è poi così tanto diversa dalla “vecchia”.


F1| Importante accordo tra Honda e IHI

F1 | GP Brasile – Ocon: “Il comportamento di Verstappen mi rattrista”
Lascia un voto

Leonardo Trillini

Studente di Scienze della Comunicazione (Comunicazione d'impresa) presso l'università di Macerata e grande appassionato di F1 sin da bambino.