F1 | GP Brasile – Haas: tante opportunità mancate, Grosjean: “la nostra macchina non merita buoni piazzamenti”

Concluso il penultimo round stagionale, per le squadre è tempo di fare un bilancio del weekend appena passato sul circuito di Interlagos. Mentre per molti le emozioni sono state incredibili – sopra a tutti Toro Rosso e McLaren – non si può dire lo stesso della Haas, che non è riuscita a capitalizzare nonostante le varie porte che si sono aperte nel corso della gara.

haas gp brasile
foto: Haas

Romain Grosjean, che partiva dalla settima casella, ha terminato la gara in tredicesima piazza, fuori dai punti. “Non abbiamo avuto per niente fortuna – commenta il francese – stavamo facendo la gara della vita, eravamo settimi su una macchina che non merita quella posizione, stavamo facendo un gran lavoro. Poi è arrivata la safety car nel momento peggiore per noi. Alla ripartenza le gomme erano cotte dopo uno stint così lungo”. Restando in tema restart, Grosjean non perde occasione di rimarcare il disappunto verso una manovra di Sainz: “mi ha fatto andare largo in curva due, una cosa di cui non sono molto felice”; qualcosa che invece rallegra l’alfiere Haas è il piazzamento a podio del connazionale Pierre Gasly: “gli faccio i miei complimenti, è stato bello vederlo sul podio e sono molto felice per lui”. Haas GP Brasile

Kevin Magnussen partiva nono e ha tagliato il traguardo undicesimo, dopo una gara travagliata fin dalla partenza, quando un contatto gli ha causato danni all’anteriore. “Abbiamo perso un’opportunità importante ed è un peccato. Allo start mi sono girato e ho perso molte posizioni, danneggiando anche la monoposto. Dopo la safety car siamo stati sfortunati perché tutti andavano più veloce di noi: questione di tempismo. Non avevo molto a cui aggrapparmi, quindi alla fine sono stato sorpassato e ho perso la zona punti per un soffio, cosa che certamente non mi fa felice. Semplicemente non è andata nel verso giusto”. Haas GP Brasile

F1 | Incidente Vettel-Leclerc: perché un contatto così leggero ha provocato un disastro

mm

Martina Andreetta

Laureata in Lingue, comunicazione e media, sono attualmente una studentessa di Scienze della comunicazione pubblica e d'impresa con una grande passione per il motorsport. Su F1inGenerale gestisco la redazione di MotoGP.