F1 | GP Brasile – Sintesi gara: Hamilton raccoglie la vittoria persa da Verstappen a causa di Ocon.

Gara ricca di colpi di scena quella che è andata in scena all’autodromo José Carlos Pace di Interlagos, che ha visto Hamilton trionfare strappando la vittoria ad un eccellente Max Verstappen, costretto ad inseguire a causa di un errore clamoroso di Ocon in fase di doppiaggio. Anonima invece la gara del Cavallino, in evidente difficoltà rispetto agli altri due top team. GP Brasile sintesi gara

GP Brasile sintesi gara
Foto: Twitter

Partenza

Ottimo lo spunto in partenza delle due Mercedes. Scatto non brillante invece per Vettel, che ha un bloccaggio ed è costretto ad accodarsi alle due Frecce d’Argento, perdendo una posizione.

Foto: Twitter

Anche Raikkonen è costretto a cedere il passo a Max Verstappen, che riesce, anche per differenza di mescola, a sorpassarlo di potenza.

Battaglia durante il primo giro anche tra le due Renault per la tredicesima posizione: dopo un piccolo contatto, è Carlos Sainz ad averla vinta.

Primo stint

Al quarto giro il pilota olandese della Red Bull riesce a sorpassare anche Vettel, che, dopo un bloccaggio, è costretto a lasciare spazio anche al compagno di squadra.

A questo punto, Max inizia una rincorsa alla testa della gara: al decimo giro riesce a scavalcare, con un sorpasso magistrale, anche Bottas, portandosi in seconda posizione.

All’undicesimo giro Raikkonen prova ad avvicinarsi a Bottas, senza riuscire a superare il compatriota.

Al diciannovesimo giro Bottas effettua il suo pit stop, montando gomma bianca. Il compagno di squadra lo emula al giro successivo, anche nella scelta della mescola. Le due Frecce d’Argento scivolano in settima (Hamilton) e nona (Bottas) posizione.

Verstappen nel mentre continua a macinare giri veloci, portandosi a quasi otto secondi da entrambe le Ferrari.

Secondo stint

Le nuove gomme montate sulle due monoposto della casa di Stoccarda sembrano rispondere subito nel modo migliore: Hamilton riesce con facilità a superare Romain Grosjean, portandosi in sesta posizione.

Al ventiquattresimo giro sorpassa anche Charles Leclerc, sfruttando la potenza del suo motore sul rettifilo.

Si ipotizzano invece problemi ad un sensore della monoposto di Vettel, che riscontra anche problemi di passo.

Il tedesco dell Ferrari rientra ai box al ventottesimo giro, montando gomma bianca. Il pit stop record messo a punto dagli uomini Ferrari (1.9s) gli permette di tornare in pista alle spalle di Magnussen. Sebastian riesce nei successivi due giri a sorpassare Magnussen e Grosjean, portandosi in sesta posizione.

Al trentaduesimo giro anche Raikkonen effettua il suo pit stop, montando anche lui la mescola più dura portata ad Interlagos da Pirelli.

Al trentaseiesimo giro Verstappen si ferma per il suo pit stop, montando, a differenza delle monoposto degli altri due top team, gomma Soft.

Continua nel mentre la battaglia tra i due ferraristi e la Mercedes di Bottas.

Verstappen riesce, con un altro ottimo sorpasso su Lewis Hamilton, al trentanovesimo giro a prendersi la testa della gara.

Anche Ricciardo, con gomma fresca, prova a prendere la posizione su Vettel. I due ingaggiano una bella battaglia.

Foto: Twitter

Al quarantatreesimo giro, la sorte volge però le spalle a Verstappen: in fase di doppiaggio, il pilota della Force India Esteban Ocon non si sposta a dovere, e va a toccare Verstappen, che danneggia il fondo e si gira, finendo in seconda posizione. Molto dubbia la manovra del pilota francese, che infatti finisce sotto investigazione. Il contatto tra Verstappen e Ocon risulterà essere il momento chiave della gara.

Foto: Twitter

Gli stewards decretano uno stop and go, che Ocon sconta al cinquasettesimo giro.

Terzo stint

La Ferrari decide di cambiare strategia con il pilota tedesco: lo fa fermare nuovamente ai box, montando gomma rossa.

In seguito al sorpasso di Ricciardo ai danni di Bottas, la Mercedes reagisce facendo fermare il finlandese al sessantesimo giro, sostituendo la gomma Medium con la Soft.

Bottas cerca di creare margine da Vettel, e fa segnare il nuovo record in gara, compiendo il suo giro in 1:10.540.

Anche Ricciardo si fa minaccioso nei confronti di Kimi Raikkonen, ma non riesce a raggiungere il podio.

La bandiera a scacchi vede Hamilton vincitore, seguito da Verstappen e Raikkonen. Le posizioni d’arrivo permettono anche alla Mercdes AMG F1 di vincere il suo quinto titolo (consecutivo) costruttori.

L’ordine d’arrivo del Gran Premio del Brasile è il seguente:

Foto: Twitter

Super Gt | Jenson Button si aggiudica il titolo all’ultima gara a Motegi

 

F1 | GP Brasile – Sintesi gara: Hamilton raccoglie la vittoria persa da Verstappen a causa di Ocon.
Lascia un voto