F1 | GP Canada – Analisi post gara Pirelli

Come Pirelli aveva previsto prima della gara, la strategia vincente consisteva nel partire sulle medium per poi optare sulle hard. I due ferraristi Sebastian Vettel, il primo a tagliare il traguardo, e Charles Leclerc – insieme alle due Mercedes – hanno adottato questo sistema. Con i dati forniti da Pirelli, andiamo ad analizzare più da vicino le strategie scelte dalle differenti scuderie. GP Canada Pirelli

GP Canada Pirelli

 

Sebastian Vettel è stato il primo a tagliare il traguardo del GP del Canada, ma la vittoria è stata consegnata nelle mani di Lewis Hamilton, dopo che il tedesco della Ferrari è stato penalizzato per una manovra ritenuta ‘scorretta’. GP Canada Pirelli

I punti salienti della gara

  • È stato uno dei GP del Canada più caldi di sempre (non solo per le polemiche post-gara); la temperatura dell’asfalto sfiorava i 50 gradi, mentre quella ambientale si aggirava intorno ai 30.
  • Vettel, partito dalla pole, è sempre stato il leader della gara; si è fermato al 26° giro, due prima di Hamilton. Il duo ha lottato per tutta la durata della gara, separati da soli pochi secondi. L’esito della gara, purtroppo, è stato deciso da una penalità inflitta al numero 5.
  • Max Verstappen ha optato per una strategia invertita rispetto ai due Ferrari e Mercedes. Partito nono con gomme hard, l’olandese ha poi scelto le medium per il secondo stint. La stessa strategia è stata adottata da Lance Stroll, che ha rimontato dalla 17^ alla 9^ posizione.
  • La maggior parte dei piloti ha eseguito una sola sosta. Valtteri Bottas, invece, ne ha eseguiti due. Con le soft per il suo secondo stint, ha eseguito il giro veloce aggiudicandosi il punto extra.
  • Per la prima volta nel 2019, entrambe le Renault hanno concluso in zona punti, usando la strategia soft-hard. Nella top six, sono state seguite quattro strategie diverse.
GP Canada Pirelli
Pirelli.com

Le parole di Mario Isola, responsabile Pirelli F1 e Car Racing

Siamo stati spettatori di una fantastica battaglia tra due campioni che contano nove titoli mondiali. Le temperature altissime hanno condizionato la durata delle gomme, soprattutto le soft, mentre il degrado delle medium è stato minore di quanto avessimo previsto.

GP Canada Pirelli
Pirelli.com

In generale, gli pneumatici si sono comportati molto bene, permettendo a gran parte dei piloti di fare un solo pit stop. Medium-hard è stata la strategia migliore. Il meteo ha anche permesso ai piloti partiti con le hard, Stroll e Verstappen, di recuperare molte posizioni, grazie alla loro buona durata.”

Seguici su Facebook

F1| GP Canada, per le Williams un’altra gara difficile

 

 

Foto e dati Pirelli

Simona D.

Studentessa di lingue appassionata di motori che spera, un giorno, di poter trasformare la sua passione nella sua professione.