F1 | GP Cina 2019 – Velocità di punta – Ferrari la più veloce in tutti i rettilinei, punta su questa carta per domani

La velocità di punta è sicuramente uno dei parametri fondamentali per una vettura di Formula 1, essendo espressione contemporaneamente sia della potenza del motore, che della capacità della monoposto di sviluppare carico aerodinamico senza però aumentare la resistenza. Abbiamo visto numeri interessanti da analizzare durante le qualifiche del GP della Cina, andiamo a vederli più nel dettaglio. Velocità di punta F1

Ferrari sempre davanti

È infatti la rossa al comando della classifica delle velocità di punta in tutti i settori, ed in particolar modo allo speed trap. Il “dominio” di Vettel e Leclerc in questa graduatoria infatti è inframmezzato solo dall’Alfa di Kimi Raikkonen, comunque col propulsore Ferrari, alla fotocellula del primo intertempo.

Diamo quindi un’occhiata al rilevamento più importante, quello dello speed trap in fondo al lungo rettilineo di Shanghai. Da notare che Vettel e Leclerc hanno numeri analoghi, più veloci dell’intero pacchetto della concorrenza.

Velocità rilevate allo speed trap

Mercedes un po’ più lontana

L’assetto e le caratteristiche Mercedes sembrano penalizzare la velocità di punta per spingere invece sulla velocità in percorrenza di curva. Allo speed trap infatti Hamilton è ben 8 km/h circa più lento di Sebastian Vettel, mentre Bottas circa 5 km/h. Differenza proporzionalmente differente un po’ a tutti i rilevamenti.

Velocità al primo intermedio

 

Da notare però che Bottas e Hamilton sono molto più vicini nelle velocità alla coppia Ferrrari al termine del secondo settore, proprio quello dove le due frecce d’argento fanno la differenza.

 

Velocità al secondo intermedio

Kimi ci mette del suo

E’ di nuovo l’Alfa Sauber di Kimi Raikkonen ad essere tra i migliori come velocità di punta sulla linea del traguardo, segno che il finlandese riesce a far fruttare tutta la sua esperienze nell’impostare la difficile ultima curva, determinante per portare velocità poi sul rettilineo di partenza

 

Velocità sulla linea del traguardo

Conclusioni

Visto il distacco rimediato in qualifica e un passo gara che sulle mescole più morbide appare leggermente inferiore, Ferrari dovrà giocare questa carta per sperare di recuperare in gara. Sarà anche interessante, visto il lunghissimo rettilineo del circuito di Shanghai, vedere a quali valori di velocità di punta arriveranno le vetture che potranno utilizzare il DRS, visto che il meccanismo dell’ala mobile quest’anno è molto più efficace e potente delle passate stagioni.

mm

Federico Albano

Ingegnere Navale, appassionato di Formula 1 e tifoso Ferrari da oltre 25 anni