F1 | GP Eifel – Analisi post gara Pirelli, Isola: “gara estremamente insolita”

Conclusa la tappa del GP di Eifel, andiamo ad analizzare come la Pirelli ha commentato l’utilizzo delle proprie gomme;su questo tracciato. Degna di nota la strategia di Grosjean che con una sola sosta ha ottenuto un buon risultato e non da ignorare;Nico Hulkenberg, che dopo una chiamata lampo è stato il pilota ad aver guadagnato il maggior numero di posizioni. Analizziamo insieme. Analisi Pirelli Germania 

Analisi Pirelli Germania
Fonte: Twitter F1

Dopo sette anni dall’ultima volta in cui si è corso sul tracciato del Nürburgring, abbiamo assistito ad una gara accesa caratterizzata anche da una VSC e una SF. Analisi Pirelli Germania

Le temperature erano basse: 11 gradi dell’ambiente a fine gara e 19 gradi di temperatura dell’asfalto. Questo ha reso molto difficile mantenere gli pneumatici in temperatura, soprattutto alla ripartenza dopo la Safety Car.

Lewis Hamilton ha vinto la gara eguagliando Schumacher;con una strategia su due soste, seguito dal suo rivale Max Verstappen il quale, oltre che usare la sua stessa strategia e stessi;pneumatici, ha eseguito i pit stop negli stessi giri, quasi a volerlo marcare e non lasciarlo scappare.

Daniel Ricciardo è arrivato terzo effettuando una strategia molto; simile ai primi classificati ed ha regalato il primo podio alla Renault che  mancava dal lontano 2011.
La strategia che le diverse squadre hanno scelto;per questo GP è stata influenzata da una VSC esposta dopo circa un quarto di gara, e da una SC . Molti piloti, tra cui quelli andati a podio (Hamilton, Verstappen, Ricciardo) ne hanno approfittato per eseguire un’ulteriore pit stop a 10 giri dalla fine della gara.

Una strategia degna di nota è stata quella scelta da Romain Grosjean, il francese;ha infatti effettuato una sola sosta al giro 28 passando da Medium ad Hard e finendo la sua gara in nona piazza dopo essere partito dalla sedicesima posizione in griglia.

Nico Hulkenberg invece, dopo aver ricevuto una chiamata lampo per sostituire Lance Stroll, è stato il pilota che ha guadagnato il maggior numero di posizioni in griglia, impresa non del tutto scontata: il tedesco ha effettuato solo due giri il giorno prima durante le qualifiche e non ha avuto quindi il tempo necessario per adattarsi alla monoposto e alle sue caratteristiche.

Analisi Pirelli Germania

Mario Isola, Responsabile F1 e Car Racing

“Congratulazioni a Lewis Hamilton per aver eguagliato il record di 91 vittorie di Micheal Schumacher e anche a Kimi Raikkonen per il nuovo record di partenze ai Gran Premi. Questa è stata una gara estremamente insolita con il freddo e la mancanza di prove libere il venerdì. Tutto il lavoro di;preparazione si è quindi svolto nella sola sessione di sabato e, sebbene non vi fossero molte informazioni sull’usura degli pneumatici, è emerso come il graning fosse minore di quanto previsto, il che ha spinto alcuni Team a pensare di fermarsi una sola volta. Alla fine, abbiamo visto un leggero graining sulla mescola soft, ma questo non ha influenzato il risultato della gara. La strategia di gara è stata largamente influenzata dalle due safety car – virtuale e reale – che sono arrivate con tempismo perfetto per i piloti di testa e hanno regalato a tutti noi un finale emozionante”

Analisi Pirelli Germania

Seguici anche su Instagram

F1 | GP Germania – Wolff: “Giornata indimenticabile è un’emozione unica”

Ilaria Vimercati

Studentessa in Scienze dei Servizi Giuridici, coltivo una forte passione per la Formula 1. Sono amante della velocità, del brivido delle corse e del senso di libertà.