F1 | GP Francia: Analisi simulazione qualifica e passo gara del venerdì

Lewis Hamilton è stato il più veloce al termine delle due sessioni di prove libere firmando il miglior tempo sulla simulazione qualifica, ma sul passo gara è la Ferrari ad impressionare. GP Francia

Foto: formula1.com

Il circuito del Paul Ricard ritorna ad ospitare un gran premio di Formula Uno dopo l’ultimo nel 1990. L’autodromo è stato completamente ristrutturato dopo l’acquisto di Bernie Ecclestone, ora la pista presenta un nuovo asfalto e delle grandi vie di fuga. Una particolarità di questo tracciato è il forte vento che soffia in senso contrario nel rettilineo principale e in direzione di marcia nel rettilineo più lungo, il Mistral.

Foto: formula1.com

Nelle due sessioni di prove libere è stato proprio il forte vento a mettere in difficoltà i piloti, che hanno commesso diversi testacoda; Ericsson è stato quello a pagarne maggiormente le conseguenze, sbattendo violentemente contro le protezioni e mandando a fuoco la propria Sauber.

Lewis Hamilton ha concluso entrambe le sessioni di prove libere al comando riuscendo ad adattarsi molto velocemente al nuovo tracciato. Hamilton ha fatto segnare il miglior tempo nella prima sessione di prove libere con un 1:32.231; che è rimasto il crono più veloce anche dopo la seconda sessione di prove libere. Nel pomeriggio nessuno è riuscito a migliorare le proprie prestazioni per il forte vento presente sul circuito e per le temperature dell’asfalto intorno ai 50°.

Simulazione qualifica

Il miglior tempo è stato di Lewis Hamilton, davanti di appena un decimo al suo compagno di squadra Valtteri Bottas. Alle spalle dei due alfieri Mercedes si è piazzato Daniel Ricciardo davanti alle due Ferrari di Raikkonen e Vettel, bene Grosjean che è riuscito a piazzarsi davanti alla Red Bull di Verstappen. Simulazione qualifica comunque poco indicativa per il semplice fatto che i tempi sono stati realizzati nella prima sessione di prove libere; quindi è poco probabile che i team abbiano espresso fin da subito il loro potenziale.

Foto: formula1.com
Di seguito la classifica dei tempi combinati del venerdì:

1. Mercedes (Lewis Hamilton) – 1:32.231s

2. Red Bull (Daniel Ricciardo) – 1:32.527s +0.140s

3. Ferrari (Kimi Raikkonen) – 1:33.003s +0.772s

4. Haas (Romain Grosjean) – 1:33.318s +1.087s

5. Toro Rosso (Pierre Gasly) – 1:33.685s +1.454s

6. Force India (Sergio Perez) – 1:33.719s +1.488s

7. Renault (Carlos Sainz) – 1:34.258s +2.027s

8. Sauber (Charles Leclerc) – 1:34.513s +2.282s

9. McLaren (Fernando Alonso) – 1:34.862s +2.631s

10. Williams (Lance Stroll) – 1:34.881s +2.650s

Foto: formula1.com

Ti piacerebbe scrivere news o approfondimenti sulla F1, MotoGP o qualsiasi altra categoria motoristica?
F1inGenerale è alla ricerca di nuovi editori. Clicca qui per info

Simulazione passo gara (Approfondimento: Il Monitor dei Tempi)

Foto: formula1.com

Nella simulazione del passo gara è stata la Ferrari la migliore, con un vantaggio di circa 7 decimi su Red Bull e Mercedes. Le due rosse di Vettel e Raikkonen si sono trovate perfettamente a loro agio sulle SuperSoft e Soft, che potrebbero essere quasi certamente le gomme da gara. Nel circuito di casa la Renault si prenota come quarta forza per la gara di domenica, grazie ad una simulazione di passo gara da parte di Carlos Sainz estremamente interessante. Alle spalle del team francese la Haas e la Toro Rosso capitanate dai due piloti di casa, Grosjean e Gasly. Simulazione del passo gara difficile da interpretare per la McLaren, solo Vandoorne ha fatto una vera e propria simulazione passo gara e con tempi non all’altezza di Sauber e Force India, davanti al team inglese di circa 6 decimi. Williams ancora in grande difficoltà.

Di seguito la classifica del passo gara:

1. Ferrari 1:35/1:36

2. Red Bull +0.7s

3. Mercedes +0.8s

4. Renault +1.2s

5. Haas +1.8s

6. Toro Rosso+1.8s

7. Force India +2.0s

8. Sauber +2.0s

9. McLaren +2.6s

10. Williams +3.1s

Mario Isola ha confermato una gara ad un’unica sosta, con la possibilità di vedere i tre top team (Ferrari, Mercedes e Red Bull) qualificarsi nel Q2 con la SuperSoft. La gomma Soft è sembrata la gomma più prestazionale viste le temperature e il forte vento del pomeriggio, quindi da qui nasce la scelta di molti team di puntare su questa mescola. Le condizioni che i piloti troveranno domenica saranno le stesse delle prove libere del venerdì, con cielo limpido e vento a circa 14km/h.


Il Monitor dei Tempi – GP Francia [FP2]: La Ferrari di Vettel sembra volare nel passo gara

Poi. Dopo. Poi. Poi. Dopo. Poi. Poi. Dopo. Poi. GP Francia. Dopo. Poi. Poi. Dopo. Poi. Poi. Dopo. Poi. Poi. Dopo. Poi. 

F1 | GP Francia: Analisi simulazione qualifica e passo gara del venerdì
Lascia un voto