F1 | GP Francia – FIA spiega perché non ha dato penalità a Checo Perez

FIA ha spiegato, in una nota post gara, perché la mossa di Perez nel sorpasso su Bottas non ha ricevuto penalità.

Perez FIA penalità
Crediti: Red Bull

FIA con una nota ha spiegato perché Perez non ha ricevuto penalità dopo il sorpasso su Bottas. Il messicano stava combattendo col pilota Mercedes nel finale di gara a Le Castellet. È riuscito a superare il finlandese al giro 49, ma, dato che stanano combattendo in un testa a testa, Perez è finito fuori dal tracciato. Ha oltrepassato, infatti, la linea bianca che segnala il track limit. Gli steward hanno analizzato la scena, ma hanno deciso in maniera unanime che l’azione di Perez era legale. Nella nota pubblicata nel post gara, gli steward hanno spiegato che Perez aveva completato il sorpasso prima di finire largo. In più, dopo aver completato quest’ultimo, è finito largo e questo ha fatto perdere molto tempo al messicano. Nella nota si legge: Gli steward hanno determinato che Perez aveva completato il sorpasso su Bottas prima di uscire in curva 10”. Il tempo perso dal messicano dopo il sorpasso ha portato gli steward ad accettare come valido il sorpasso. Questo perché, nonostante sia finito oltre le linee bianche, dopo essere finito largo il messicano non ha guadagnato tempo su Bottas.


leggi anche:

F1 | GP Francia – Notte fonda in casa Ferrari, Binotto: “Analizzare e capire sono il primo passo per correggere”


Il commento post gara di Perez sulla strategia Red Bull

Il messicano ha fatto i complimenti al team per la decisone di compiere un lungo Stint con il primo set di gomme, così da avere gomme fresche alla fine. “Per i primi 5-10 giri, la macchina era terribile a causa del forte vento; è stato molto difficile. Ma poi, con il vento che si è calmato ho trovato molto ritmo. Penso che aver resistito così tanto col primo set di gomme mi abbia portato vantaggio alla fine. Sono molto felice della gara di oggi, io e Max siamo finiti a podio e questo è un enorme vantaggio”.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

Alessia Malacalza

Classe 2000, aspiro a lavorare nel mondo dello sport. Studio Comunicazione d'impresa e relazioni pubbliche a Milano.