F1 | GP Gran Bretagna – Strategia gara: attenzione alle nuove regole sulle gomme dopo la qualifica sprint

La strategia del GP di Gran Bretagna è leggermente più semplice del solito proprio a causa delle sprint qualifying, che hanno portato a nuove regole sulle gomme.

Strategia gara Gran Bretagna
Foto: Pirelli Motorsport

La strategia del GP di Gran Bretagna è leggermente più semplice del solito a causa delle sprint qualifying, che hanno portato a regole diverse per le gomme. Una di queste è che i piloti non sono più obbligati a partire con le gomme con cui hanno stabilito i loro migliori tempi nelle qualifiche del venerdì (in Q2). Invece, c’è una scelta completamente libera, il che significa che tutti i piloti possono semplicemente seguire la strategia teoricamente più veloce.
Ci sarà, a scanso di equivoci, un unico stop. Partire con le gomme medie C2 per poi passare alle gomme dure C1 fino alla fine. Una strategia alternativa è partire con gomma rossa e poi passare alla dura. Con più libertà nella scelta delle gomme, potrebbe entrare in gioco anche il contrario. Partire con una gomma più dura prima di passare a una mescola più morbida.
Quello che è certo è che un due stop è decisamente più lento. Ma l’opzione migliore in questo scenario sarebbe quella di utilizzare due set di rosse e un set di medie.


Leggi anche

F1 | La F1 riconsidera la decisione di nominare il vincitore della Sprint Qualifying come detentore della pole position


Il commento di Mario Isola

Oggi è stata l’occasione per provare qualcosa di diverso con la prima qualifica sprint e, sebbene sia stata una gara breve, abbiamo già visto alcune tattiche diverse in griglia con quattro piloti che sono andati controcorrente e hanno scelto la gomma morbida, incluso Bottas che è partito e finito terzo. Mantenerla viva in una gara in cui i piloti hanno spinto al massimo in condizioni calde è stata chiaramente una sfida. Ma Fernando Alonso ha guadagnato sei posizioni dalla sua originale di partenza inizialmente con le soft. La media C2 ha affrontato bene le curve veloci e i carichi pesanti di Silverstone, motivo per cui ci aspettiamo che sia la scelta più popolare per iniziare la gara domani. Si prevede che le temperature saranno ancora più alte per il Gran Premio, quindi la gestione degli pneumatici sarà un fattore determinante, come abbiamo visto anche oggi durante le qualifiche sprint, dove si sono verificati alcuni blister mentre le squadre si spingevano al limite”.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

Alessia Malacalza

Classe 2000, aspiro a lavorare nel mondo dello sport. Studio Comunicazione d'impresa e relazioni pubbliche a Milano.