F1 | GP Imola – Mercedes, Russell ha accusato dolori al petto a causa del porpoising: “Non è possibile continuare così”

I problemi di porpoising che ha Mercedes ormai li conosciamo tutti, ma dopo il GP di Imola Russell ha fatto sapere di aver avvertito dolori al petto causati da ciò.russell mercedes porpoising gp imola

I problemi di porpoising che ha Mercedes ormai li conosciamo tutti, ma dopo il GP di Imola Russell ha fatto sapere di aver avvertito dolori al petto causati da ciò. Mercedes ha cercato di risolvere il fenomeno del rimbalzo alle alte velocità.
L’impatto del costante rimbalzo alle alte velocità sta cominciando a mettere a dura prova la sua salute, afferma Russell, con il risultato più preoccupante durante il Gran Premio dell’Emilia-Romagna. Dopo il quarto posto di Imola, Russell ha parlato. “Il rimbalzo toglie davvero il fiato. È il più estremo che abbia mai sentito. Spero davvero che troveremo una soluzione e spero che ogni squadra che sta lottando con il porpoising trovi una soluzione perché non è sostenibile per i piloti continuare con questo livello. Questo è il primo fine settimana in cui ho davvero lottato con la schiena. Quasi come i dolori al petto per la gravità del rimbalzo, ma è proprio quello che dobbiamo fare per ottenere i tempi sul giro più veloci fuori dalla macchina”.


Leggi anche

F1 | GP Imola – Ferrari, Binotto commenta il brutto risultato: “Delusi, ma non dobbiamo abbatterci”


Dopo il suo quarto posto consecutivo tra i primi cinque all’inizio della stagione 2022, con la Mercedes chiaramente priva di prestazioni rispetto ai rivali Red Bull e Ferrari, Russell afferma che il team deve ottenere di più dal proprio pacchetto se vuole continuare a finire nei posti più alti. “Penso che in termini di risultati, stiamo sicuramente ottenendo il massimo e le cose sono decisamente andate male in queste prime quattro gare“, ha detto Russell. “Mi dà e sono sicuro che dà alla squadra la certezza che quando la macchina migliorerà, saremo lì per ottenere ancora più punti in classifica. Quindi, come ho detto prima di questo fine settimana, non possiamo sostenere questo livello di questi risultati se non miglioriamo il ritmo della macchina”.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

Alessia Malacalza

Classe 2000, aspiro a lavorare nel mondo dello sport. Studio Comunicazione d'impresa e relazioni pubbliche a Milano.