F1 | GP Imola – Mercedes, Toto Wolff: “La macchina non è degna di un campione del mondo”

Toto Wolff commenta amaramente il weekend di Imola della Mercedes che, nonostante il quarto posto di Russell, è in grossa difficoltà

F1 2022 Imola Toto Wolff Mercedes
Foto: Mercedes twitter

Il weekend di Imola è da dimenticare in fretta per la Mercedes e Toto Wolff. Il team principale austriaco a commentato la gara delle frecce d’argento, dichiarandosi deluso dalle prestazioni della vettura.

Seppur Russell ha conquistato un ottimo quarto posto, Wolff non può essere felice. L’auto, infatti, non ha dimostrato un buon passo in gare ed il porposing è sempre un grande problema.

Tuttavia, Wolff nega che la gara sia stata il minimo storico in carriera di Hamilton, sottolineando che i precedenti pluricampioni hanno attraversato circostanze difficili durante la loro carriera.

Wolff ha affermato: “È il miglior pilota del mondo, ma non ha una macchina in grado di performare al massimo. È persino irrilevante se arrivi 8°, 12°, 15°, non importa, va tutto male”.


Leggi anche: F1 | GP Imola – Gara, Lewis Hamilton: “Weekend da dimenticare, non sono in lotta per il mondiale”


“Non c’è nessuno, dei grandi campioni che mi vengono in mente, che non abbia avuto in certi momenti della loro carriera che le cose non siano andate bene”.

“Questo è il caso ora con lui da molto tempo, ha intenzione di aiutare la squadra a risolvere i problemi e restando uniti, attraverso i momenti belli e brutti. Oggi certamente è stata una giornata molto brutta.”

 “Abbiamo visto con George dove la macchina può essere in aria libera, ma non è abbastanza buona. Non abbastanza buona per un campione del mondo, non degna di un campione del mondo e dobbiamo solo aggiustare la macchina”.

Parlando del porposing, Wolff ha ammesso che è così grave che si chiedeva se i due piloti sarebbero riusciti a rimanere in strada.

Guardando il porposing sul rettilineo principale, mi chiedo come i due possano persino tenere la macchina in pista a volte“.

Lewis merita di meglio da noi. Ma siamo una squadra, quindi dobbiamo tutti fare del nostro meglio per fornirgli una macchina in grado di lottare per le prime posizioni“, ha concluso.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

Nicholas Cincinelli

Laureato in Scienze Politiche, attualmente studio Giornalismo e Comunicazione multimediale. Da sempre super appassionato di F1