F1 | GP Imola – Nuovo telaio per l’Alfa Romeo di Bottas, nessuna penalità per il finlandese

Valtteri Bottas non è sceso in pista nelle ultime prove libere ad Imola per la sostituzione del telaio da parte dell’Alfa Romeo.

Telaio Alfa Romeo Bottas GP Imola penalità
Credits: Alfa Romeo F1 Team ORLEN – Twitter

Il weekend imolese di Bottas è stato tutt’altro che lineare. Già nella giornata di ieri, durante il Q3, il pilota finlandese ha dovuto parcheggiare la sua vettura lungo pista a causa della rottura di uno scarico con conseguente incremento delle temperature. Durante l’ispezione dell’auto, il team Alfa Romeo ha deciso di sostituire il telaio della vettura di Bottas nel weekend di Imola anziché ripararlo.

Per via del parco chiuso in vigore dalle qualifiche di ieri, il team è stato costretto a lavorare dalla mattinata di oggi. Nonostante in casa Alfa Romeo pensassero di terminare i lavori prima delle FP2, Bottas non è riuscito a completare alcun giro questa mattina in vista della Sprint Race che scatterà tra pochi minuti.

Secondo il regolamento, il pilota finlandese non subirà nessuna penalità in griglia. L’ex pilota Mercedes scatterà dunque dall’ottava casella della griglia di partenza nella Sprint Race.

Il team principal dell’Alfa Romeo Vasseur, ad Autosport, ha dichiarato: “Abbiamo avuto un problema con lo scarico, poi abbiamo bruciato tutti i componenti intorno ad esso, compreso il telaio e compreso l’involucro del cambio. Per questo motivo abbiamo deciso di sostituire il telaio di Bottas.”


Leggi anche: F1 | GP Imola – Sintesi FP2- Miglior tempo per George Russell


“Ci aspettavamo ieri di doverlo fare – ha affermato Vasseur sulla sostituzione del telaio – ma la macchina era sigillata. O rompi i sigilli e parti dalla pit-lane, oppure aspetti stamattina e rischi le FP2. Speravamo di farcela, ma eravamo troppo ottimisti. Il fatto che abbiamo perso le FP2 è un peccato. Di sicuro sarebbe stato meglio fare la sessione, altrimenti saremmo rimasti sempre ai box per le FP2”.

Nonostante tutto, Vasseur è fiducioso per il weekend del finlandese. “Mi fido di lui sul fatto che l’adattamento sarà abbastanza rapido, darà un’occhiata ai dati di Zhou e avrà una buona comprensione. E ha fatto dei giri anche ieri con condizioni quasi asciutte. Quindi non sono preoccupato“.

Seguici anche sui social: Telegram – Instagram – Facebook – Twitter

Marco Cesaroni

Classe 2001, studente di Ingegneria Meccanica presso l'Università degli Studi di Perugia.