F1 | GP Imola – Qualifiche poco soddisfacenti per Bottas: “Non so cosa sia successo, non mi fidavo del posteriore”

Qualifiche, quelle di Imola, poco entusiasmanti per Bottas. Il pilota della Mercedes ha riscontrato forte instabilità nel posteriore durante il Q3.

Valtteri Bottas, Mercedes, GP Imola. Fonte: Account Twitter Mercedes.

Valtteri Bottas chiude in ottava posizione le Qualifiche del GP di Imola.

La coppia di piloti Mercedes, sul circuito italiano, è stata divisa da quello che sembra essere un semplice problema di messa a temperatura delle gomme. Così, almeno, sostiene Toto Wolff.

Sin dalla prima sessione delle Qualifiche, Bottas appariva tra i favoriti per la pole position. Tra il caos creato dai track limits e la pressione dell’ultimo giro però, qualcosa è andato storto per il finlandese.

A differenza del Team Principal della squadra tedesca, Valtteri appare decisamente meno tranquillo e certo su quanto accaduto oggi.

Nel post gara, il pilota ha così commentato: “Oggi è stata una giornata decisamente caotica e faccio ancora fatica a comprendere le mie prestazioni nel Q3.

Nell’ultima sessione delle Qualifiche, ho avuto molto sovrasterzo e, nel secondo run, il posteriore non era affatto buono”.

Ha poi proseguito: “Nella prima manche del Q3, sono andato in curva due e ho avuto, nella parte posteriore, uno scatto improvviso. Lì ho perso tanto tempo. Lo stesso nell’ultimo tentativo, non riuscivo affatto a fidarmi del posteriore questo pomeriggio.

Questa è una cosa che però non ho sentito nel Q1 e nel Q2. È difficile quindi capire cosa sia realmente successo, dobbiamo sicuramente indagare”.

Valtteri Bottas non può quindi dirsi entusiasta della posizione conquistata oggi: “Non è quello a cui puntavo, soprattutto con la sensazione che avevo all’inizio delle Qualifiche. I sorpassi qui sono difficili, è una pista stretta, ma combatterò per fare del mio meglio domani”.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

F1 | GP Imola – Wolff: “Bottas ha avuto problemi nello scaldare le gomme. Credo che Max avesse la pole in mano”