F1 | GP Italia 2020, risultati qualifiche: Hamilton ancora al top

In queste qualifiche di F1, Hamilton si prende la pole. Segue Bottas e un grande Sainz. Ferrari malissimo: tredicesimo e diciassettesimo.

F1 qualifiche Hamilton
Hamilton impegnato nel venerdì di Monza. Credits: Skysport

In queste qualifiche di F1, Hamilton si prende la pole. Segue Bottas e un grande Sainz. Ferrari malissimo: tredicesimo e diciassettesimo

CRONACA QUALIFICHE

L’ARTICOLO SI AGGIORNA AUTOMATICAMENTE

ore 16:00: Tutti i piloti e i loro tempi:

ore 16:00: La classifica

ore 15:59: Bottas si migliora, ma Hamilton si prende la pole per 69 millesimi. Terzo tempo per Sainz, poi Perez, Verstappen, Norris, Ricciardo, Stroll, Albon, Gasly

ore 15:57: Parte il giro di tutti. Sembra che Hamilton si sia staccato da Bottas per non sfruttare la sua scia

ore 15:56: Tutti pronti per l’ultimo giro

ore 15:55: Tolto il tempo ad Albon

ore 15:52: Bottas 1’19″121, Hamilton lo batte di pochissimo. Seguono Perez, Verstappen, Sainz, Norris, Albon, Ricciardo, Gasly, Stroll

ore 15:50: Parte il giro di Bottas, e gli altri lo seguono

ore 15: 48: Dentro Mercedes e Red Bull per il Q3

ore 15:46: Primo pilota ad andare sotto l’1’19” è stato Bottas. Che giro

Immagine

ore 15:43: La classifica

ore 15:41: Leclerc rimane tredicesimo. Bottas si porta primo, seguito da Hamilton, Sainz, Perez, Verstappen, Gasly

ore 15:38: Di nuovo come prima

ore 15:37: Entrano tutti adesso. Ancora le due Mercedes davanti

ore 15:34: C’erano troppe macchine nello stesso punto. La gara è domani”

ore 15:32: Ecco i tempi. Charles ha fatto il giro su gomma usata

ore 15:30: Lewis firma un 1’19″092. Nuovo giro più veloce della F1! Segue Bottas, Perez, Sainz, Verstappen, Gasly, Stroll. Leclerc tredicesimo

ore 15:28: Davanti le due Mercedes che danno la scia a tutti. Sono su gomma soft

ore 15:26: Inizia il Q2

ore 15:24: E qui Seb. Si è lamentato del comportamento dell’Alfa Romeo

Immagine

ore 15:22: Ecco i problemi di cui parlavamo

Immagine

ore 15:20: Ecco i risultati del Q1

ore 15:19: Vettel escluso dal Q2! Si è ritrovato nel traffico durante il suo giro

ore 15:18: Sembra di essere in gara. Brutte immagini da Monza

ore 15:16: Che traffico!

ore 15:15: Ecco l’onboard di Charles

ore 15:13: Charles di migliora e passa undicesimo! Vettel per ora fuori dal Q2

ore 15:11: Ecco la classifica dopo il primo run. Intanto si rilancia Charles

ore 15:08: Volano le Mercedes su gomme medie, che rifilano più di 1 secondo e mezzo a Vettel. Seguono Perez, Sainz, Gasly, Norris, Stroll, Verstappen, Ricciardo

ore 15:07: Tolto il tempo a Leclerc per aver passato i limiti del tracciato

ore 15:06: Dopo i primi tentativi: Leclerc, Vettel, Grosjean, Russell, Magnussen, Giovinazzi, Kimi

ore 15:04: Leclerc chiede di gestire bene la situazione scie al proprio team

ore 15:02: Anche le Ferrari scendono in pista

ore 15:01: Haas, Alfa Romeo e Williams in pista

ore 15:00: Semaforo verde! 

ore 14:58: Kimi già in macchina

Immagine

ore 14:55: Eccoci pronti a raccontarvi le qualifiche in diretta. Vedremo i soliti problemi di traffico?

Lungo 5.793 metri, l’Autodromo Nazionale di Monza è caratterizzato da alcune delle curve più famose dell’intero campionato. Non è un caso infatti che, come accade anche a Silverstone e a Spa, i piloti identifichino le curve direttamente i nomi assegnati. Questi chilometri, una volta, erano dieci, quando il tracciato comprendeva anche l’anello di alta velocità (uno spettacolo nello spettacolo).

Il circuito attuale ha poche curve e non poche insidie. Sulla carta sembra facile, ma essendo la pista con il carico aerodinamico più basso di tutto il mondiale, richiede assetti specifici e sensibilità di guida soprattutto nelle staccate, dove il pilota non è “aiutato” dalla deportanza.

La presenza di poche frenate, ma tutte violentissime, si traduce in una decelerazione media sul giro di 5,5 g: la staccata meno impegnativa, alla curva 7, comporta infatti una decelerazione di 5 g, soglia mai raggiunta in nessuna delle curve dei GP disputati quest’anno.

Un po’ di statistiche

Ricordiamo anche che Kimi Raikkonen ha stabilito il giro più veloce nella storia della F1. Era il 2018 e il finlandese siglò il tempo di 1’19″119, con una velocità media di 263.587 km/h. La passata stagione, inoltre, Charles Leclerc riportò la Scuderia Ferrari sul gradino più alto del podio dopo 9 anni. L’ultimo vincitore era stato infatti Fernando Alonso, che nel 2010 vinse la gara di casa del Cavallino.

Scopriremo oggi se il record di Kimi sarà battuto.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

F1 | GP Italia – McLaren sente il fiato sul collo di Renault: “Siamo indietro in vista di domenica”