F1 | GP Italia – Alphatauri, Gasly: “Dobbiamo arrivare in pista con la voglia di fare punti”

Ci siamo, siamo a ridosso del GP d’Italia a Monza che quest’anno festeggerà 100 anni. I piloti Alphatauri si dicono positivi in vista del GP di casa.

gp italia alphatauri gasly
Pierre Gasly, vincitore del GP di Italia con l’AlphaTauri, Credits: F1.com

È il momento che tutti gli italiani attendono da inizio stagione, finalmente il Gran Premio d’Italia a Monza è alle porte, e dato che anche per Alphatauri rappresenterà il Gran Premio di casa, Pierre Gasly e Yuki Tsunoda si sono aperti spiegando le emozioni che provano da piloti ufficiali a guidare nel Tempio della Velocità.

Per il francese, ormai cittadino di Milano da qualche anno, l’autodromo brianzolo rappresenta un posto davvero unico. Monza è vicino a casa per me e per il resto della mia carriera questa tappa rimarrà speciale. C’è una sensazione diversa venendo qui, non soltanto perché è il GP di casa per l’intero team. Ma per l’energia e l’atmosfera, è incredibile per tutti nella squadra”. 

Concentrandosi sulla pista, Gasly ha dichiarato:Dobbiamo arrivare in pista con la voglia e la mentalità di fare punti. Che sia facile o difficile, ci saranno sempre delle opportunità, e noi dobbiamo massimizzare il nostro potenziale. Se facciamo un buon lavoro, possiamo trasformarlo in buoni risultati.


Dobbiamo rimanere positivi e guardare sempre avanti. Sarà interessante vedere come si comporteranno queste vetture. Io ho vinto a Monza da decimo e questo mostra che in F1 tutto è possibile!


Leggi anche: F1 | Ecco la prima bozza del calendario 2023: 24 gare e ancora diverse questioni in sospeso


Anche Yuki Tsunoda non si tira indietro e si dice molto eccitato: “L’anno scorso non sono stato in grado di partire per la gara, il che significa che in realtà non ho mai partecipato veramente al GP d’Italia a Monza. Sono molto eccitato di  correre su un altro GP di casa per noi dopo Imola e so che anche il team lo è. Abbiamo una buona motivazione per questo weekend“.

Riferendosi alla pista, il pilota giapponese ha detto: “Non sono sicuro di come la macchina si adatterà al circuito, ma come al solito lavoreremo per estrarne il massimo. Sorpassare dovrebbe essere possibile, ma si può rimanere incastrati in un trenino col DRS. Mi aspetto di vedere tutti cercare di prendere una scia in Qualifica. Come gestiremo questa situazione complicata potrebbe rivelarsi un aspetto chiave per la Qualifica stessa”.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

Jason Bruno

Aspirante giornalista da sempre appassionato di F1. Ragazzo di Milano diplomato in lingue (inglese, spagnolo e tedesco) e con esperienza diretta in pista ambito karting. Il mio motto: Do the Impossible!