F1 | GP Italia, anteprima Ferrari – Leclerc: “Monza non adatta alla SF21, ma speriamo di far divertire i tifosi”

A Monza, il pilota monegasco conquistò 2 anni fa una splendida vittoria. Quest’anno la storia rischia di essere abbastanza diversa, poiché la SF21 ha nella velocità di punta il suo punto debole. Leclerc Ferrari GP Italia Monza F1.

Leclerc Ferrari GP Italia Monza F1
Credit: twitter Scuderia Ferrari

Quello di Monza è sempre un appuntamento speciale. Lo è per le caratteristiche del circuito, unico nel suo genere per i suoi lunghi rettilinei e le forti staccate: non a caso lo chiamano il Tempio della Velocità. Lo è per la sua storia: il tracciato brianzolo è infatti l’unico assieme;a SIlverstone ad aver ospitato la Formula 1 in ogni singola stagione fin dalla nascita del mondiale. Ma lo è soprattutto se sei uno dei due piloti della Ferrari. Leclerc Ferrari GP Italia Monza F1.

Questo Charles Leclerc lo sa bene. I ricordi della vittoria di 2 anni fa e della marea rossa sotto al podio sono ancora nitidi nella sua mente e probabilmente lo saranno per sempre. Quest’anno però la storia rischia di essere molto diversa. Per la Ferrari si preannuncia infatti un weekend in difesa.

Nonostante infatti i grossi miglioramenti rispetto al 2020, la power unit rimane ancora il tallone d’Achille della monoposto del Cavallino e questo sarà sicuramente un grosso svantaggio sul circuito più veloce tra quelli presenti nel calendario.

Al contrario si prevede una McLaren in grande spolvero, con la vettura di Woking che è sempre tra quelle con le velocità di punta più elevate. Una McLaren che viene da un weekend molto negativo in Olanda, dove ha subito il sorpasso della Ferrari come terza forza nei costruttori, e a Monza è chiamata ad un pronto riscatto.

Ma c’è una variabile in più che potrebbe giocare a favore della scuderia di Maranello. Quello di Monza sarà infatti un weekend speciale anche perché, per la seconda volta dopo Silverstone, tornano le Qualifiche Sprint. Soltanto un’ora di prove libere prima di entrare in regime di parco chiuso e disputare le qualifiche.

Un format che sembra andare incontro alle esigenze della Ferrari, che ha proprio nel lavoro di simulazione precedente al weekend di gara uno dei suoi punti di forza. Un format apprezzato anche dallo stesso Leclerc che infatti proprio a Silverstone era arrivato ad un passo dal riportare la Rossa ad un clamoroso successo.

Seguono le parole rilasciate dal pilota monegasco nella conferenza stampa del giovedì precedente al weekend monzese: “Questo fine settimana per noi è molto particolare. Già ieri a Milano, dove eravamo per alcune attività promozionali, siamo stati circondati dall’affetto della gente e stamattina fuori dal mio hotel c’erano un centinaio di sostenitori ad aspettarmi. È bello, specie dopo tante gare senza spettatori qui in Italia, sapere che ci saranno moltissime persone sugli spalti. Noi speriamo di poterli far divertire anche se questa sulla carta non è una pista adatta alle caratteristiche della nostra vettura”.

“Sono un fan delle Qualifiche Sprint, perché ci permette di avere qualcosa di importante ogni giorno. Avremo solo una sessione di libere prima di andare in qualifica e questo premierà la capacità dei team di prepararsi al meglio,;e poi sabato ci sarà la gara da cento chilometri a rendere interessante la giornata. Domenica poi avremo il Gran Premio tradizionale, ma al termine di un fine settimana più divertente per il pubblico e i piloti”.

F1 | Mercato piloti 2022: Alfa Romeo ancora indecisa sul futuro di Giovinazzi, facciamo chiarezza

mm

Elia Aliberti

Classe 1994, studente di ingegneria meccanica. Appassionatosi alla Formula 1 ed al motorsport fin da tenera età, sulle orme dei trionfi di Schumacher e della Ferrari