F1 | GP Italia – Claire Williams: “Il nostro tempo in questo sport è stato un privilegio enorme”

Nonostante la pazza gara del GP d’Italia, la Williams non riesce per un soffio ad entrare in zona punti. La vera notizia per la storica squadra di Formula 1 nel weekend italiano è l’ultima gara da vice Team Principal di Claire Williams: è finita un’era in Formula 1. 

Williams Italia
Credits: Williams Racing

Le dimissioni di Claire Williams segnano definitivamente la fine di un’era. In Italia, dopo una pessima qualifica, i due piloti della Williams hanno concluso la gara a ridosso della zona punti. La scena però è tutta di Claire:

È stato il mio più grande privilegio ed onore quello di lavorare con tutti i membri della nostra incredibile squadra. Ma, ancora più importante, a nome di Frank, mio e a nome di ogni membro della famiglia Williams vorrei ringraziare tutto il nostro team, passato e presente, per tutto ciò che hanno fatto per noi e per ciò che ci hanno dato negli anni. Loro sono i veri guerrieri della nostra squadra e gli auguriamo il meglio per il futuro. Vogliamo inoltre ringraziare tutti i nostri fan in giro per il mondo che ci hanno supportato nei momenti di gioia e difficoltà per tanti anni. Ci avete onorati. Il nostro tempo in questo sport è stato un privilegio enorme, lasciamo con tanti ricordi, abbiamo attraversato alti e bassi, trionfi e difficoltà e ameremo per sempre la Formula 1“.

Al messaggio lanciato da Claire Williams fanno eco i due piloti che, oltre a ringraziare la famiglia Williams, analizzano anche quanto fatto durante il GP d’Italia:

Le dichiarazioni di George Russel

È la fine di un’era ed è un privilegio averne fatto parte. Ciò che Claire e Frank hanno fatto per la squadra e per le persone che lavorano per il team è straordinario. Hanno sempre avuto tutti a cuore ed è ciò che accade ancora oggi.

La gara è stata sfortunata, siamo stati sfortunati a non essere riusciti ad effettuare la sosta prima della bandiera rossa. La macchina mi sembrava molto buona, eravamo solo lenti nei rettilinei. Ogni volta che ho sorpassato un’auto, semplicemente venivo sorpassato poi nel rettilineo. È un peccato, penso che avremmo potuto mettere a segno dei punti oggi. La macchina sembrava veloce, ma queste sono le corse. Sono veramente felice di vedere i primi quattro di oggi, è una cosa eccezionale per loro.”

L’analisi di Latifi

È stato un grande privilegio gareggiare per Claire e Frank. Dal primo momento in cui mi sono unito alla squadra mi sono sentito a casa, l’atmosfera era sincera e la cultura fatta propria e diffusa stimabile ed apprezzabile. È possibile comprendere come mai gran parte dei dipendenti amino lavorare per la famiglia Williams e per la squadra. Mi mancherà la loro presenza, alla Formula 1 mancheranno, voglio solo augurargli il meglio per il loro futuro, ovunque la vita li porterà”.

È stata una gara complicata, sono stato fortunato con il pit stop prima della bandiera rossa. È stato bello partire dalla top ten nella ripartenza in griglia dopo la bandiera rossa. Purtroppo, nei primi giri siamo spesso in difficoltà, a causa delle gomme fredde e dell’aria sporca. Sembra che le altre auto riescano a fare molto di più, mentre io mi limito a non andare a sbattere cercando di mantenere la posizione. Sono infastidito per non essere riuscito ad entrare in zona punti. Una volta che le cose si sono sistemate, penso che il passo fosse buono, ho preso Kimi ed è stato bello duellare con lui. Sono tutto sommato soddisfatto per il risultato, ma guadagnare punti sarebbe stato un bel premio per Claire e per la squadra oggi”.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

Leonardo Trillini

Studente di Scienze della Comunicazione (Comunicazione d'impresa) presso l'università di Macerata e grande appassionato di F1 sin da bambino.