F1 | GP Italia – “Santo” Halo salva la vita a Hamilton a Monza [FOTO]

Da criticato e osteggiato ad acclamato e ringraziato: un “santo” halo salva Hamilton nell’incidente con Verstappen nel GP d’Italia.

Immagine

 

Introdotto per la prima volta nella stagione 2018, il sistema “halo” è stato sin dagli albori criticato in molteplici occasioni. Osteggiato per un impatto visivo poco sinuoso ed elegante, risultava “brutto” per i più. Nel corso degli anni però l’halo ha saputo farsi apprezzare. Dopo aver accantonato le critiche visive, fatta ormai l’abitudine, il sistema di sicurezza ha ricevuto applausi in più occasioni, dall’incidente di Leclerc a La Source in Belgio nel 2018, fino allo spaventoso inferno di Grosjean nella corsa in Bahrain l’anno scorso. hamilton italia halo

A questi esempi si aggiunge, anch’esso piuttosto lampante e spaventoso, l’episodio del Gran Premio d’Italia 2021. Siamo a metà gara e Max Verstappen ingaggia una bagarre con il rivale Lewis Hamilton, appena uscito dai box. L’olandese si infila all’esterno in ingresso della variante del rettifilo. Esterno che diventa interno, ma Lewis non lascia spazio. Max salta sul cordolo e la collisione è inevitabile.


Leggi anche: F1 | Leclerc pronto a rinnovare con Ferrari fino al 2026


La Red Bull #33 del 23enne di Hasselt, stretta dalla Mercedes, balza sul “salsicciotto” e atterra sulla numero #44 del rivale britannico. L’impatto – dai replay frontali – appare insidioso: il corpo della monoposto anglo-austriaca atterra, anche con gli pneumatici posteriori, sull’airscope e sull’abitacolo della vettura di Hamilton. L’unico elemento che separa la Red Bull dal casco del pilota di Stevenage è l’halo.

Un’altra volta ancora l’halo merita – senza alcun dubbio – di ricevere applausi e tanti ringraziamenti. Probabilmente senza di lui, la domenica brianzola si sarebbe trasformata in una nefasta e catastrofica giornata.

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

Francesco Rapetti

Aspirante giornalista, studente di Scienze Politiche all'Università di Genova. Appassionato di Formula 1 fin da piccolo.