F1 | GP Italia – Sintesi FP3: Bottas è il più veloce, le McLaren completano il podio virtuale

Bottas comanda le FP3 del GP d’Italia, stupisce la McLaren, con Sainz e Norris appena dietro al finlandese. Ferrari lontane.

Le FP3 del GP d’Italia iniziano con l’entrata in pista delle Alfa Romeo, delle Haas, Gasly e Norris per completare un primo giro d’installazione.

È bene ricordare che dopo le terze libere verranno comunicate alla FIA dai piloti le mappature del motore endotermico che, come da nuova direttiva tecnica, saranno “congelate”per la gara.

Ad inizio sessione la temperatura dell’aria è di 26°C, l’asfalto fa segnare 36 gradi, l’umidità è del 54% e il cielo sopra Monza è sereno.

Prima fase

Dopo 15 minuti di pista libera, il primo ad uscire dai box e a fare segnare un tempo è Carlos Sainz. Il giro d’attacco dello spagnolo è di 1:21.875 su gomma media.

Mentre il futuro ferrarista abbassa di 4 decimi il proprio tempo, scendono in pista tutti i piloti. Dopo oltre 20 minuti si accende l’attività sul circuito brianzolo.

In Ferrari provano il gioco di scie. Leclerc, tirato da Vettel diventa terzo con 4 decimi di vantaggio sul compagno. Nel frattempo arrivano le due Mercedes che si mettono a dettare il passo. Hamilton gira in 1:20.658, Bottas è dietro di un solo decimo.

Stupisce ancora l’Alpha Tauri di Gasly, che si mette in terza posizione, davanti alla Renault di Ricciardo. Poco dopo Ocon si porta a due decimi dalla Mercedes di Hamilton, seguito da Verstappen e Perez, entrambi a circa 3 decimi dal leader e su gomma media. Kvyat intanto precede Gasly in P6, Alpha Tauri con pneumatici soft.

Le Mercedes girano con gomma soft, Bottas si rilancia e, con il miglior parziale nel secondo settore, si porta al comando della sessione di 36 millesimi in 1:20.622.

A mezz’ora dal termine ecco il lampo di Max Verstappen: il giro più veloce è il suo. L’olandese gira in 1:20.456 con gomma media, staccate le Mercedes di 166 millesimi.

La classifica al 20 minuti dalla fine non sorride alle Ferrari, che si trovano ben lontane dalla Top 10: Leclerc è in P13, Vettel in P17.

Ultimi 20 minuti

Dopo la prima parte di sessione, le vetture sono tornate tutte ai box, ad eccezione della McLaren di Sainz.

18 minuti al termine: tornano in pista le Mercedes, entrambe su gomma soft. Bottas si rilancia e si migliora, alzando l’asticella e segnando un 1:20.089. Il compagno invece commette un errore alla prima variante decide di riprovarci: al secondo tentativo si migliora ma non riesce ad avvicinarsi al tempo di Bottas. Hamilton si porta in seconda posizione a 350 millesimi da Valtteri e pochi millesimi davanti a Verstappen.

Tornano in pista anche le Ferrari per gli ultimi 13 minuti di FP3 del GP d’Italia. Vettel tira la scia a Leclerc, entrambi gli uomini del Cavallino montano la mescola più soffice.

Vettel, senza scia, diventa quattordicesimo ad 1.174 secondi dal leader. Leclerc, grazie anche alla scia del compagno, fa un giro migliore ed è nono a 8 decimi da Bottas.

Si migliorano anche gli altri: Norris è secondo, Ricciardo terzo. Ci sono però problemi per la Renault dell’australiano che viene parcheggiata nell’erba appena prima della prima curva di Lesmo. Bandiera rossa e tutti di nuovo ai box.

A 6 minuti, sotto regime di bandiera rossa, la classifica vede Bottas al comando, quindi Norris (+0.3), Ricciardo, Hamilton, Verstappen, Albon, Ocon, Stroll, Leclerc e Gasly. Questa è la top 10, con 10 piloti nel giro di 8 decimi.

A 3 minuti dal termine della terza sessione di libere viene sventolata la bandiera verde, i piloti tornano in pista, effettuando prima delle prove di partenza. Alla bandiera a scacchi Sainz si porta in P2 a due decimi da Bottas; le altre posizioni restano praticamente invariate. Rischia Albon scodando in percorrenza della Parabolica.

 

Seguici anche su Instagram

 

F1 | GP Italia 2020 – Risultati FP3: Domina Bottas, ma che McLaren! Non bene Ferrari.

 

 

 

 

Francesco Rapetti

Aspirante giornalista, studente di Scienze Politiche all'Università di Genova. Appassionato di Formula 1 fin da piccolo.