F1 | GP Messico – delude Stroll, settimo Perez: “La battaglia con Ricciardo è stata dura!”

Il GP del Messico vede di nuovo come protagonista l’idolo di casa Sergio Perez. Il pilota della Racing Point è stato infatti “il primo degli altri”, chiudendo la propria fantastica gara in settima posizione. Il pilota messicano ha dovuto resistere negli ultimi giri ai ripetuti attacchi di Daniel Ricciardo. Solo dodicesimo invece Lance Stroll con l’altra Racing Point. 

Perez GP Messico
Foto: Racing Point BWT

GP Messico Perez

Dopo aver disputato una gara fantastica, trascinato dall’affetto e dal tifo del pubblico messicano, Sergio Perez ha commentato così quanto fatto in pista:

Questo è un grande giorno per me e per la squadra. Penso che la gara sia stata semplicemente perfetta e voglio congratularmi con tutto il team per tutto il loro duro lavoro che ci ha permesso di ottenere questo risultato. È veramente speciale far segnare punti così importanti nel mio gran premio di casa – davanti ai fan che mi hanno dato un supporto incredibile durante tutta la settimana. C’erano delle macchine più veloci di noi oggi, ma le abbiamo battute grazie ad una strategia fantastica. Questa gara è come una vittoria per noi.”

“La gara è stata intensa, specialmente la battaglia con Daniel Ricciardo alla fine – lui aveva infatti gomme più fresche e mi ha messo una pressione incredibile. Mi sono dovuto concentrare al massimo spingendo e danto tutto fino alla fine. Sono veramente contento della nostra prestazione e i punti che abbiamo messo a segno oggi sono importanti per combattere nella classifica costruttori.”

GP Messico Perez
Foto: Racing Point BWT

In casa Racing Point non è però tutto andato per il meglio; l’eccellente prestazione di Perez non è stata infatti eguagliata da Lance Stroll, solo dodicesimo al termine della corsa. Il canadese ha parlato così della sua gara:

Abbiamo avuto un ottimo primo giro – abbiamo amministrato il divario per costruire un vantaggio con le gomme rispetto ai nostri avversari ed eravamo nella zona punti. Il secondo stint invece non è andato bene come il primo: abbiamo avuto problemi all’anteriore a causa del graining, perciò dobbiamo capire perchè ciò è capitato. È stato un peccato non riuscire a capitalizzare vista la posizione che avevamo per mettere a segno punti oggi, il passo infatti era buono e la macchina era forte e veloce. Dobbiamo analizzare i dati, vedere ciò che avremmo potuto fare diversamente e tornare più forti che mai per battagliare ad Austin!”

 

Seguici sui social:

Facebook

Instagram

Twitter 

 

Il Monitor dei Tempi – GP Messico – Hamilton vince facendo durare le gomme 50 giri. Ferrari in crisi di strategia

Leonardo Trillini

Studente di Scienze della Comunicazione (Comunicazione d'impresa) presso l'università di Macerata e grande appassionato di F1 sin da bambino.