F1 | GP Messico – FP2: Verstappen vola sul giro secco, Mercedes fatica

Max Verstappen conclude in vetta le FP2 del GP del Messico. Red Bull è parsa nettamente più in forma rispetto alle Mercedes, soprattutto con la gomma più morbida. Bene la Ferrari, in testa a centro gruppo nella simulazione qualifica e costante sul passo gara. Problemi al cambio per Ricciardo e Russell.

fp2 messico
Foto: Motorsport Images

I primi giri

Gruppo Red Bull da subito davanti nelle FP2 in Messico con Verstappen davanti a Tsunoda e Perez, sesto invece Gasly con gomma dura alle spalle di Norris e Leclerc. Bottas, Ricciardo, Ocon e Sainz completano la top 10. Il traffico condiziona fortemente l’azione in pista, in particolare quella di Hamilton che solo al terzo giro sulla sua gomma hard si piazza proprio alle spalle di Verstappen e Perez, che nel frattempo si è migliorato, entrambi però con una mescola di vantaggio. Il suo tempo viene però annullato.

Torna sul traguardo Leclerc che si piazza quarto, lungo invece in curva 1 per le due Mercedes. Sainz torna sul traguardo con gomma media e si classifica settimo alle spalle di Leclerc e Tsunoda.

Ancora senza tempo Russell alle prese con dei problemi al cambio.

Simulazione qualifica

Tsunoda, Norris e Ocon hanno anticipato il loro tentativo su gomma soft, posizionandosi in seconda, quarta e nona posizione. Quando mancano meno di quaranta minuti alla bandiera a scacchi cominciano a tornare in pista anche gli altri. Vettel è il primo di questi e si piazza terzo, incollato a Tsunoda. E’ quindi la volta di Bottas che nonostante una mescola più soffice deve accodarsi a Verstappen.

FP2 Messico

Tocca finalmente a Mercedes e Red Bull: Verstappen fa la differenza negli ultimi due settori e dà mezzo secondo ad Hamilton e Perez e sette decimi a Bottas. Anche Gasly taglia il traguardo e si mette in quinta posizione, arriva proprio alle sue spalle Leclerc con il sesto crono ad un decimo e mezzo. Buon giro per Sainz che si mette a sandwich tra i due, Alonso sale invece in decima posizione. Fermo ai box Ricciardo, anche lui bloccato da un problema al cambio della sua vettura.

Hamilton prova un secondo tentativo ma non si migliora per un decimo e mezzo. Ci riesce invece Bottas che addirittura supera il suo compagno di squadra, tuttavia resta piuttosto staccato da Verstappen: il gap tra i due è di quattro decimi. Miglioramento anche per Sainz che si mette Gasly alle spalle prendendo il quinto a tempo ad un secondo dalla Red Bull che comanda la classifica.

FP2 Messico

Concludono in ritardo le due Alfa Romeo con Raikkonen undicesimo e Giovinazzi tredicesimo.

Simulazione passo gara FP2 Messico

Negli ultimi venti minuti della sessione i team si sono concentrati sui long run. Ottimo inizio per Verstappen con la media con un primo tempo anche migliore di quello dei due Mercedes con la soft. Bell’inizio anche per Alonso con un buon ritmo sulla hard e per le AlphaTauri, nella mischia la Ferrari con tempi in linea con le altre squadre a centro gruppo. Breve interruzione con una bandiera gialla per un lungo di Latifi all’ultima curva.

Gasly sorprende con la hard mentre le Mercedes faticano con la gomma soft. Al contrario non accenna cali la Red Bull con le medie, costanti e veloci. Mantiene un buon passo anche la Aston Martin con Vettel, tra i migliori sulla media a metà schieramento; cominciano ad alzarsi i tempi di Alonso sulla hard, comunque ancora buoni.

Abbastanza costanti le Ferrari anche se Leclerc lamenta via radio di faticare con il motore. In Mercedes vanno per un breve stint con le hard in cui si nota un leggero miglioramento, che però al momento pare non bastare per raggiungere la Red Bull.

Classifica finale FP2 GP Messico.

Concluse le FP2, l’appuntamento a sabato con le FP3 e le qualifiche del Gran Premio del Messico.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

Emanuele Zullo

Classe 2005, vivo a Napoli dove frequento il liceo linguistico. Adoro qualsiasi cosa abbia quattro ruote e spero di trasformare la mia passione in lavoro.