F1 | GP Messico, griglia di partenza – La qualifica delle sorprese e delle penalità

La Mercedes ribalta totalmente il pronostico delle qualifiche del GP del Messico e monopolizza la prima fila. Red Bull costretta ad inseguire. Ferrari in terza e quarta fila. Griglia di partenza GP Messico F1.

Griglia di partenza GP Messico F1
Credit: twitter Formula 1

Sul circuito intitolato ai fratelli Rodriguez vanno in scena le qualifiche che non ti aspetti. La Red Bull aveva infatti dominato le prove libere a fronte di una Mercedes che faceva quasi fatica a rimanere in strada sullo sporco tracciato messicano. Ed invece col passare delle sessioni e con la temperatura che si è alzata, la pista è andata incontro alle esigenze della W12 che hanno così ripreso vita quasi per miracolo, mentre le RB16B hanno improvvisamente perso il bilanciamento, con Verstappen costretto a lottare con il posteriore della sua monoposto. Griglia di partenza GP Messico F1.

La pole position, la 19esima della sua carriera, se l’è dunque presa di forza Valtteri Bottas, autore di uno dei giri migliori della sua carriera, come da lui stesso dichiarato, davanti a Lewis Hamilton, anche lui piuttosto felice e allo stesso tempo sorpreso al termine della qualifica. Il finlandese è stato premiato con il Fangio Award, dedicato al 70° anniversario del primo mondiale dell’asso argentino.

Per una Mercedes che gioisce, c’è una Red Bull che si lecca le ferite, almeno per il momento. Max Verstappen è sempre stato un grande interprete del secondo e terzo settore del tracciato messicano e conquistare la pole sembrava quasi un gioco da ragazzi. Non aveva fatto però i conti con il ritorno delle frecce nere.

Anche l’idolo locale Checo Perez si attendeva sicuramente di più, soprattutto dopo il miglior tempo stampato nella terza sessione di prove libere. Ma la gara sarà lunghissima e soprattutto lo è la strada che conduce alla prima curva, dove i vari giochi di scia faranno la differenza.

Se dunque ad Austin ci si attendeva una Mercedes superiore ed è poi stata la Red Bull a trionfare, a Città del Messico è per il momento accaduto l’opposto. Tutto questo è parte integrante dello spettacolare mondiale di F1 2021, sicuramente uno dei più belli degli ultimi anni.

Passando alla lotta alle spalle dei due team che stanno dominando la stagione, chi si attendeva di più da queste qualifiche è sicuramente anche la Ferrari. Ma fin dal venerdì si era capito che sconfiggere la resistenza di Pierre Gasly sarebbe stata impresa piuttosto ardua. Ed infatti sarà proprio il pilota dell’AlphaTauri ad aprire la terza fila, accanto alla SF21 di Carlos Sainz. Il francese ha potuto anche giovare della scia gentilmente offertagli sul rettilineo dal compagno di squadra Yuki Tsunoda, che gli ha facilitato il compito.

Ma la delusione in casa Ferrari è soprattutto dal lato del box della vettura #16. Charles Leclerc aveva infatti trovato un ottimo feeling con la vettura, tant’è che aveva concluso nelle posizioni di vertice sia in Q1 che Q2. Ma proprio in Q3, solitamente il suo forte, non è riuscito a mettere insieme un buon giro e se a ciò si aggiunge che anche Daniel Ricciardo ha potuto beneficiare della scia di Lando Norris, ecco che così si spiega il suo ottavo tempo. Anche la posizione al via delle due Rosse lascia comunque tutto aperto in previsione della gara.

Dei 10 piloti che hanno avuto accesso al Q3, 9 partiranno con gomme Medium, mentre il solo Tsunoda scatterà con le Soft. Dalla quinta fila in poi la griglia di partenza ne è uscita rivoluzionata a causa delle numerose penalità che hanno coinvolto ben 5 piloti.

GP Messico – Griglia di partenza

Griglia di partenza GP Messico F1
Credit: F1inGenerale

*George Russell penalizzato con “5 posizioni” per la sostituzione del cambio
*Yuki Tsunoda, Lando Norris, Esteban Ocon e Lance Stroll penalizzati con “partenza dal fondo” per aver montato nuovi elementi della Power Unit

mm

Elia Aliberti

Classe 1994, studente di ingegneria meccanica. Appassionatosi alla Formula 1 ed al motorsport fin da tenera età, sulle orme dei trionfi di Schumacher e della Ferrari