F1 | GP Messico – La gara della Red Bull, Verstappen: “Ho dovuto andare sull’erba per evitarlo”

Dopo aver vinto in F1 per due anni di fila in Messico la Red Bull e Verstappen concludono la gara con amarezza. Dopo aver realizzato la seconda pole in carriera, poi tolta per la penalità, il pilota Olandese si è toccato nel corso del primo giro con Hamilton e successivamente con Bottas, subendo una foratura che lo ha costretto a tornare ai box e a ripartire dal fondo. Buona gara invece per Albon che è riuscito a concludere la gara in quinta posizione F1 Messico Red Bull

F1 Messico Red Bull
Alexander Albon – Foto: Red Bull

ALEX ALBON, Posizione finale: 5a, Posizione iniziale: 5a

Queste sono state le parole del giovane Albon alla fine della gara: “Oggi è stato ok e mi sono divertito molto. Penso che sia stata una delle mie migliori gare in termini di ritmo e i piloti di testa non erano troppo distanti da me! All’inizio eravamo in terza posizione e mi stavo entusiasmando. È stato bello combattere per le prime posizioni, ma sfortunatamente la loro strategia con da uno stop, ha funzionato meglio. Siamo rimasti fedeli a una strategia a due stop, ma non sono sicuro che avremmo potuto avere il ritmo per far funzionare la strategia a uno stop. Ho perso parecchio tempo il traffico dei doppiati, soprattutto dopo il mio primo pit-stop, specialmente quando sono uscito dietro Sainz. I nostri meccanici hanno anche ottenuto il pit stop più veloce della gara! Hanno trascorso un fine settimana intenso, quindi è stato un ottimo lavoro e dovrò ripagarli ovviamente. Nel complesso, sono contento delle mie prestazioni e sto migliorando, il che è importante. I tempi sul giro stanno arrivando e ora ho altre tre gare per migliorare ulteriormente! F1 Messico Red Bull

F1 Messico Red Bull
Max Verstappen – Foto: Red Bull

MAX VERSTAPPEN, Posizione finale: 6 °, Posizione iniziale: 4 °

Ecco le parole un po’ amareggiate del pilota olandese della Red Bull: “Il sesto posto ovviamente non è dove volevo finire oggi con la macchina che avevamo, ma quando guardi le circostanze penso che sia stata comunque una buona gara. Ho iniziato bene e penso che Lewis sia stato spinto sull’erba da una Ferrari, così ha perso aderenza. ha perso terreno alla curva 1 e poi, nella curva 2, è andato molto in profondità per difendersi e ho dovuto andare sull’erba per evitarlo. La gara era ancora sulla buona strada, fino a quando, non ho superato Valtteri e mi ha toccato la gomma posteriore, il che mi ha provocato una foratura e ho dovuto fare un giro intero, per tornare ai box. Dopo aver fatto il pit stop, ho dovuto fare 66 giri con la gomma dura. Il risultato finale è un peccato, perché il ritmo è stato buono e la macchina è stata ottima, ma concludere al sesto posto non è stato in realtà un brutto risultato, se si guarda a tutto ciò che è successo. ”

Seguici su Instagram

Il Monitor dei Tempi – GP Messico – Hamilton vince facendo durare le gomme 50 giri. Ferrari in crisi di strategia