F1 | GP Messico – Prove Libere McLaren, Norris: “Giornata difficile, servono miglioramenti nei prossimi due giorni”

La McLaren scende in pista per le prove libere del GP del Messico di F1, con i primi risultati che anticipano un weekend difficile per il team di Woking.

McLaren GP Messico

La McLaren scalda i motori in vista del GP del Messico, diciottesimo appuntamento del campionato 2021 di F1. Sia Norris che Ricciardo, infatti, hanno faticato in pista a causa dell’assetto particolare dell’Autodromo Hermanos Rodriguez, che pone sfide importanti in vista della gara di domenica. Entrambi però, si dicono fiduciosi che i prossimi due giorni porteranno miglioramenti per la macchina e per la performance in generale.

 

La McLaren, attualmente al terzo posto della classifica costruttori, spera di consolidare la propria posizione con il GP del Messico. Sarà infatti importante staccare la Ferrari, che è a soli 3.5 punti di distanza.

Lando Norris

“Oggi è stata una giornata difficile perché abbiamo lottato con l’equilibrio e il livello di grip generale. Penso che abbiamo trovato qualche lato positivo tra le FP1 e le FP2. In generale, siamo fiduciosi e faremo dei miglioramenti domani, sperando di trovare un po’ più di tempo sul giro. Non è facile, quindi lavoreremo sodo durante la notte e vedremo cosa si potrà fare”.

Leggi Anche:

F1 | GP Messico – Risultati FP2: Verstappen e Red Bull dominano le Prove Libere 2

Daniel Ricciardo

“Purtroppo, con la mia McLaren non sono riuscito a fare molto in questo pomeriggio di prove libere del GP del Messico. Abbiamo avuto un problema nelle FP2, quindi abbiamo completato solo l’Hard run. Sono cose che succedono e dovremo solo cercare di gestire la situazione domani. Non abbiamo tempo da perdere, quindi ci impegneremo al massimo. Abbiamo alcune sfide importanti davanti a noi per questo weekend di gara, ma andrà tutto bene. Abbiamo ricevuto abbastanza informazioni da Lando oggi per poterle rielaborare domani”.

ANDREA STELLA, Direttore Esecutivo, Racing

“Le sessioni di prove di oggi ci hanno mostrato quello che già ci aspettavamo di vedere qui a Città del Messico. L’altitudine ci spinge a modificare diversi aspetti del nostro assetto per far fronte alle esigenze di raffreddamento e ai bassi livelli di deportanza che sono una caratteristica di questo circuito. Quello che non ci aspettavamo era la necessità di ridurre la sessione pomeridiana di Daniel. Lo abbiamo fermato presto dopo aver visto alcuni marker nei dati, relativi al suo cambio, che abbiamo ritenuto prudente esplorare”.

 “Questo ci lascia del lavoro da fare per assicurarci di essere competitivi in ​​qualifica e in gara. La lotta questo fine settimana sembra molto serrata con Ferrari e AlphaTauri in forma, ma noi sappiamo cosa dobbiamo fare per raggiungere i nostri obiettivi nei prossimi due giorni”.

Seguici anche sui social: Telegram – Instagram – Facebook – Twitter

Seguici anche su Telegram

Desirée Palombelli

Classe 1999, aspirante giornalista. Studio Relazioni Internazionali a Roma e scrivo di Formula 1.