F1 | GP Messico, prove libere Williams – Penalità per Russell: “Non l’ideale ma possiamo essere in prima linea per la gara”

Buone sensazioni ricevute dalla monoposto ma il weekend del Messico di George Russell comincia in salita: saranno cinque le posizioni in griglia che l’inglese dovrà scontare alla partenza. gp messico prove libere russell

gp messico prove libere russell
Foto Williams F1 Team

Terminato il primo giorno di attività in pista a Città del Messico, George Russell sa già che prenderà il via del gran premio con cinque posizioni di penalità. Il futuro pilota della Mercedes ha accusato una grossa perdita alla trasmissione nel corso del venerdì, il quale ha costretto i meccanici alla sostituzione del componente. gp messico prove libere russell

Per precauzione, il programma di lavoro di Nicholas Latifi è stato modificato in modo da esaminare a fondo la sua vettura per evitare il replicarsi del problema accorso alla monoposto gemella. Nonostante l’accaduto, i due piloti della Williams restano pressoché soddisfatti dalla performance con sensazioni positive per il resto del weekend.

George Russell gp messico prove libere russell

Stranamente, oggi abbiamo riscontrato diversi problemi al cambio e di conseguenza abbiamo dovuto prendere un nuovo cambio che ci darà una penalità di griglia. Non è l’ideale, ma è domenica dove vengono assegnati i punti.”

“Dall’altra parte, la prima sessione di prove libere è stata forte per noi. La macchina è andata bene, ho trovato un ritmo decente e abbiamo mostrato un forte passo gara. Quel passo gara sarà critico perché l’alta quota lo rende davvero difficile per il raffreddamento, per i freni e per la power unit. Se saremo al massimo su quello, allora penso che possiamo essere in prima linea per la gara.”

Nicholas Latifi

Oggi è stato difficile. Con il problema del cambio dall’altra parte del garage avevamo bisogno di capire il problema e assicurarci che non mi accadesse, quindi sfortunatamente non abbiamo completato il nostro programma completo. Abbiamo ancora la terza sessione per assemblare il tutto in macchina però, quindi non è tutto perso.”

“Abbiamo imparato quello che ci serviva sull’alto consumo di carburante e, come abbiamo visto negli anni precedenti, ottenere i livelli di raffreddamento corretti attraverso l’unità di potenza e i freni è così importante qui. Nonostante i problemi, penso che avevamo ancora quello che ci serviva per riuscire oggi.”

 

Seguici sui nostri social (Facebook, Instagram, Twitter)

Seguici anche su Telegram

F1 | Ufficiale: il GP di Cina rinnova il contratto fino al 2025

Mariangela Picillo

Cresciuta a pane, Ferrari e Schumacher. Da grande vorrei fare del motorsport la mia vita quotidiana.