F1 | GP Messico, qualifiche Ferrari – Binotto: “Speravamo in qualcosa di più, le premesse erano migliori. E’ mancato un po’ Charles”

Qualifica in Messico della Ferrari decisamente al di sotto delle aspettative: Mattia Binotto ne commenta l’esito ai microfoni di Sky. gp messico qualifiche ferrari binotto

gp messico qualifiche ferrari binotto
Foto Scuderia Ferrari

Il Team Principal della Scuderia Ferrari, in diretta dal remote garage della Gestione Sportiva, commenta l’esito delle qualifiche del gran premio del Messico ai microfoni di Sky Italia. Binotto difatti è rimasto a Maranello per questo appuntamento in modo da prestare maggiormente seguito al progetto della monoposto del 2022, ormai giunto alle sue fasi finali. gp messico qualifiche ferrari binotto

Dall’altra parte dell’Oceano, Carlos Sainz e Charles Leclerc hanno ottenuto rispettivamente la sesta ed ottava posizione per il via della gara. Un risultato decisamente inferiore alle aspettative, come pubblicamente ammesso dall’ingegnere emiliano. Alla vigilia, nel paddock c’era chi parlava addirittura di lotta per la vittoria del Cavallino, andando ad inserirsi nelle dinamiche del duello Mercedes-Red Bull; invece, si è fatto peggio. Gasly, potendo contare sulla scia di Tsunoda, ha preceduto entrambi i ferraristi, mentre Ricciardo, anch’egli con l’aiuto del compagno di squadra, si è inserito tra i due.

Dopo la paura data dalla mancanza di potenza nelle prime fasi della sessione, Sainz è riuscito ad ottenere in ogni caso un consistente sesto posto. Ad avere la peggio è stato Leclerc: traffico e piccoli errori di bloccaggio non gli hanno permesso di eseguire la sua solita magia nel giro decisivo.

Il tracciato messicano è uno di quelli presenti sul calendario che maggiormente mette in difficoltà sia squadre sia piloti: trovare il quadro giusto non è semplice, anche a causa del cambio repentino delle variabili come il grip offerto dall’asfalto.

Se la qualifica ha deluso, in casa Ferrari adesso si punta tutto sulla gara. Mattia Binotto ha già anticipato i fattori chiave da tenere sotto osservazione: raffreddamento e strategia su una sola sosta. Con Norris dal fondo, questa gara potrebbe essere la giusta occasione per la Rossa per compiere il sorpasso su McLaren, senza dimenticarsi della competitiva AlphaTauri.

Le parole di Mattia Binotto, Team Principal gp messico qualifiche ferrari binotto

“Tralasciando il Q3 di Charles (Leclerc, ndr), è stata una qualifica più difficile di quello che ci aspettavamo. Le premesse erano migliori per questo gran premio! E’ una pista molto scivolosa, difficile da interpretare. Da tutti i piloti si sono visti molti errori e Charles, nel suo giro decisivo, credo che non sia riuscito a mettere tutto insieme perfettamente come suo solito: anche un piccolo errorino, soprattutto nella parte finale del giro, gli è costato dei decimi importanti.”

“Speravamo in qualcosa di più in generale, speravamo di poter fare un po’ meglio su questa pista. Non è stato il caso oggi. Detto questo, c’è ancora la gara! Tsunoda, Norris e altri saranno penalizzati, quindi partiranno dietro. La gara è ancora da fare.”

Sainz penso che alla fine abbia fatto un giro giusto e consistente ottenendo la sesta posizione – Gasly ha usufruito della scia con cui ha guadagnato 3 decimi -, però penso che Sainz abbia fatto un ottimo Q3. E‘ mancata un po’ la parte di Charles però non voglio nemmeno insistere troppo su questo aspetto. Lui tira sempre fuori qualcosa di speciale in qualifica, non è stato il caso oggi, avrà modo di rifarsi in gara.”

“Siamo arrivati su una pista molto sporca con pochissimo grip: tutti i piloti hanno avuto difficoltà nel trovare consistenza e fiducia con il tracciato e con il mezzo. La pista si evolve continuamente, giro dopo giro il pilota deve ricercare tutte le variabili. Questa mancanza di grip che mette in difficoltà la frenata e il trovare il limite della vettura, credo abbia un po’ pagato oggi.”

“Questa è una gara sempre difficile per tutti perché sappiamo che l’aria rarefatta mette in difficoltà tutto il sistema di raffreddamento dei freni e del motore. Mi aspetto una gara da gestire su questi fronti per noi così come per gli altri. L’usura gomma è molto bassa: ci si aspetta una sola sosta media-dura. Quindi, fondamentali gestione del mezzo dal punto di vista temperature e usura freni.”

 

Seguici sui nostri social (Facebook, Instagram, Twitter)

Seguici anche su Telegram

F1 | GP Messico, prove libere Williams – Penalità per Russell: “Non l’ideale ma possiamo essere in prima linea per la gara”

Mariangela Picillo

Cresciuta a pane, Ferrari e Schumacher. Da grande vorrei fare del motorsport la mia vita quotidiana.