F1 | GP Messico – Sintesi qualifiche: Bottas in pole, Mercedes in prima fila

E’ una sorprendente pole position per Valtteri Bottas! Quando nessuno se lo aspettava la Mercedes monopolizza la prima fila. Terzo un delusissimo Verstappen. Sainz 6°, Leclerc 8°.qualifiche GP Messico

Q1

Si accende il semaforo verde, cominciano le qualifiche del GP del Messico. E’ Latifi il primo pilota a scendere in pista, con le due Haas che escono subito dopo di lui. Dopo 5 minuti molte vetture iniziano l’azione. Giovinazzi fa segnare il miglior tempo, portandosi davanti al compagno Raikkonen. Poco dopo Leclerc scende sotto l’1:18 e si mette davanti a tutti. A 10 minuti dal termine, quando molti piloti avevano iniziato il loro giro cronometrato, i commissari sventolano bandiera gialla, proprio sul rettilineo del traguardo. Botto per Lance Stroll! Il canadese ha perso la sua Aston Martin in uscita dell’ultima curva per poi urtare le barriere. Le bandiere da gialle diventano rosse e la sessione viene stoppata.Image

Barriera ripristinata, la sessione può ripartire. Risuonano i motori, 10 minuti al termine del Q1 in cui i piloti rientrano subito in pista. Anche Sainz torna in pista, ma la sua Ferrari accusa perdita di potenza: attimi di panico nel box ma, dopo una serie di cambiamenti al volante, la SF21 dello spagnolo riparte. Intanto Gasly fa segnare la miglior prestazione, ma gliela toglie subito Lewis Hamilton. Il pilota inglese viene scavalcato da Bottas che, a sua volta, scala in terza perché sono le due Red Bull ad alzare l’asticella. 1:16.788 per Verstappen che guida il gruppone. Norris porta la sua McLaren in quarta posizione, mentre Sainz non conclude un ottimo giro: è solo 13°.

A 4 minuti dal termine le Mercedes effettuano un altro tentativo ed entrambi si migliorano. Bottas sale in seconda posizione, ad un decimo e mezzo da Verstappen, e Hamilton si mette dietro di lui. Si rilancia anche Sainz, che deve schiodarsi da quella scomodissima quindicesima posizione; si migliora, di tanto, e si mette in una tranquilla quinta posizione. Le due Alpha Tauri scavalcano posizioni, con Gasly 3° e Tsunoda 5°. Intanto viene esposta la bandiera a scacchi, i piloti si apprestano a completare il loro ultimo tentativo. Si accende di colpo Leclerc che, a sorpresa, si mette davanti a tutti. Russell riesce a portarsi in quattordicesima posizione, mentre Bottas scavalca Verstappen e Leclerc per la prima posizione. Nulla da fare per Alonso, escluso, mentre il compagno Ocon, che sarà penalizzato in griglia, accede in Q2 sul filo del rasoio. 

Gli eliminati nel Q1: Alonso, Latifi, Shumacher, Mazepin, Stroll

Q2

Seconda accensione del semaforo verde, inizia il Q2. I piloti entrano subito in pista e tutti loro montano gomme medie. Il primo a far segnare un tempo è Sergio Perez, mentre Max Verstappen completa un gran giro in 1:16.483, ma Hamilton è vicinissimo. 16 millesimi tra i due rivali. Bottas e Leclerc alle loro spalle, entrambi davanti a Perez. Con gomma soft Tsunoda si porta in terza posizione.

A 3 minuti e mezzo dal termine del Q2 inizia il secondo round. Sainz dà il via alle danze, ma dopo qualche curva lo spagnolo molla il colpo. E’ Norris il primo a si migliora ma resta in decima posizione. Anche Hamilton si migliora, quel che basta per scavalcare Verstappen. Intanto Giovinazzi finisce in testacoda e, per questione di millimetri, non tocca le barriere. Sainz, trovatosi in quel settore poco dopo, non può concludere il giro. Per sua fortuna dietro di lui non si è migliorato nessuno. Situazione che dunque resta congelata, la Q2 termina con quest’ordine:

Gli eliminati nel Q2: Vettel, Raikkonen, Russell, Giovinazzi, Ocon

Leggi anche: F1 | Alfa Romeo: il pilota che affiancherà Bottas sarà scelto dopo il GP del Brasile


Q3

Ci siamo, si accende l’ultimo semaforo verde. Iniziano gli ultimi 12 minuti delle qualifiche del GP del Messico per la conquista della pole position. In fila abbiamo: le due McLaren, le due Alpha Tauri, le due Red Bull, le due Ferrari e le due Mercedes. Gran gioco di squadra in casa McLaren con Norris, che domani partirà dal fondo, a tirare una gran scia per il compagno Ricciardo. L’australiano è il primo a completare il giro ma viene scavalcato quasi da tutti. Nel momento che conta di più la Mercedes suona la campana. Primo Bottas (1:15.875), secondo Hamilton. Clamoroso e inaspettato 1-2 Mercedes. Red Bull si ritrova improvvisamente ad inseguire, con Verstappen e Perez in terza e quarta posizione. Gasly, Leclerc, Ricciardo, Sainz, Tsunoda e Norris completano la top 10.

I piloti rientrano in pista per l’ultimo tentativo di queste qualifiche. Le McLaren danno nuovamente il via alle danze, le Mercedes sono i fanalini di coda. Parte Ricciardo, con Norris che gli dà una grande scia. Ricciardo si migliora e sale in sesta posizione, mentre Perez finisce fuori pista. Sainz si porta in sesta posizione; Leclerc con l’altra Ferrari non si migliora, per la bandiera gialla causata da Perez, e resta ottavo. Verstappen arriva sul traguardo e non si migliora. Non si migliora neanche Lewis Hamilton. E’ dunque pole position per Valtteri Bottas! L’uomo meno atteso conquista la prima posizione, con Hamilton che completa una sorprendente la prima fila. Questa la classifica completa di queste qualifiche del GP del Messico:Image

 

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

Michele Guacci

Classe 2003, studente ed appassionato di F1 sin dall'infanzia.