F1 | GP Messico – Toro Rosso, Kvyat: “Sono piuttosto contrariato per la penalità che mi è stata inflitta”

La Toro Rosso lascia il Messico con il bicchiere mezzo pieno. Entrambi i piloti, nonostante una strategia non favorevole in quanto partiti con gomma rossa, alla bandiera a scacchi hanno concluso il gran premio in nona e in decima posizione. Tuttavia, la penalità inflitta a Kvyat per il contatto avvenuto nell’ultimo giro con Hulkenberg ha escluso il pilota russo fuori dalla top dieci. gp messico toro rosso

gp messico toro rosso
Foto Scuderia Toro Rosso

La Scuderia Toro Rosso lascia il Messico con il bicchiere mezzo pieno. Alla vigilia della gara non erano affatto positive in quanto i due alfieri della scuderia italiana sarebbero stati costretti a partire con la gomma soft, mescola più sconveniente, per essersi qualificati nel Q3. gp messico toro rosso

Nonostante la strategia ideale non fosse dalla loro parte, alla bandiera a scacchi i due piloti si sono classificati in nona e in decima posizione, rispettivamente con Daniil Kvyat e Pierre Gasly. C’è stato però un giallo: nel corso dell’ultimo giro, poco prima dell’ultima curva si è verificato un contatto tra il pilota russo e Hulkenberg.

I commissari hanno ritenuto opportuno penalizzare l’incidente, infliggendogli una penalità e difatti spodestandolo dalla zona punti. La classifica ufficiale del Gran Premio del Messico vede quindi Gasly nono, che porta a casa 2 punti, e Kvyat undicesimo.

Pierre Gasly gp messico toro rosso

Oggi non è stato affatto semplice, ma ho dato il massimo e sono felice di aver segnato due punti. Nel complesso, la cosa positiva è stata avere una macchina competitiva per tutto il fine settimana.”

Cominciare la gara con le gomme morbide non è stato, ovviamente, l’ideale. Tuttavia, abbiamo cercato di tirare fuori il meglio. Alla fine, siamo riusciti a farle funzionare ed è stato importante per la nostra battaglia per il campionato.”

Daniil Kvyat

“Partendo con quella mescola di gomme, sapevamo che oggi sarebbe stata dura, ma avevamo ancora grandi speranze di poter andare a punti. Date le circostanze, penso che la gara sia andata bene e, anche se può sembrare un paradosso, abbiamo compromesso la corsa con le buone qualifiche di ieri.”

Sono piuttosto contrariato per la penalità che mi è stata inflitta, da pilota non posso essere d’accordo, specie se prima ci viene detto che ci è permesso battagliare. Nico difendeva la posizione e io ero all’attacco: queste cose succedono, specialmente all’ultima curva dell’ultimo giro. Nonostante questo, mi sento in forma dopo questo weekend e non vedo l’ora di tornare in pista la prossima settimana, ad Austin.

Guillaume Dezoteux, capo reparto “Prestazione del veicolo”

Quella di oggi, in Messico, è stata una gara difficile. Dover partire con le gomme soft ha certamente compromesso la nostra gara, perché siamo stati costretti a fermarci prima degli altri piloti di centro gruppo per provare a far funzionare la nostra strategia a due soste.”

Daniil (Kvyat, ndr) ha fatto una bella gara, mostrando un ottimo passo nello stint centrale con le gomme dure. Dopo la sua ultima sosta, stava raggiungendo Stroll ma non è riuscito a superarlo, dovendo lasciar passare le vetture di testa che arrivavano. Con il tempo perso a causa delle bandiere blu, ha potuto raggiungere Hulkenberg solo negli ultimi giri. La mossa all’ultima curva è stata un po’ ambiziosa e, sfortunatamente, a Daniil è stata inflitta una penalità di 10 secondi per aver causato la collisione.”

Pierre (Gasly, ndr) aveva una strategia molto simile, perché anche lui è partito montando la gomma morbida. Ha perso più tempo nel traffico, in particolar modo alle spalle di Sainz che faticava con il suo set di gomme dure. La seconda parte della gara è stata più competitiva, ha avuto pista libera per gran parte del tempo ed è riuscito a passare Stroll, per poi avvicinarsi a Daniil e a Hulkenberg. Il loro incidente all’ultima curva gli ha permesso di finire nono.”

 

Seguici su Instagram!

F1 | Cambia la classifica del GP Messico: Kvyat penalizzato!

 

 

Mariangela Picillo

Studentessa di ingegneria meccanica. Da grande vorrei fare del motorsport la mia vita quotidiana.