F1 | GP Miami – Pagelle: Verstappen vince, doppio podio Ferrari

Il quinto appuntamento stagionale ci ha regalato una grande gara del Campione del Mondo in carica: ecco le pagelle del GP di Miami!

Pagelle GP Miami Verstappen Red Bull Leclerc Sainz Ferrari
Credits: Oracle Red Bull Racing – Twitter

La quinta gara stagionale è stata archiviata e ora è tempo di bilanci. Il GP di Miami ha visto vincitore Max Verstappen è avrà sicuramente un voto alto nelle nostre pagelle. La vettura #1 ha avuto un ottimo scatto scavalcando la Ferrari di Sainz. Impressionante poi il ritmo dell’olandese nel primo stint che gli ha permesso di attaccare Leclerc e prendersi la prima posizione. Nel finale, nonostante la Safety Car, il Campione del Mondo è riuscito a gestire la prima posizione e a portarsi a casa la vittoria.

TOP 3

MAX VERSTAPPEN: voto 9.5 – Weekend partito nel peggiore dei modi per l’olandese. Il venerdì, per problemi di affidabilità, percorre pochissimi giri non riuscendo a prendere confidenza con la pista. Al sabato riesce a qualificarsi in terza piazza nonostante l’errore all’ultimo tentativo. In gara è semplicemente perfetto: nel primo stint con le gomme medie si prende la posizione sulle due Ferrari e gestisce la seconda parte di gara fino all’ingresso della Safety Car che non cambia il risultato.

CHARLES LECLERC: voto 9 – Altra qualifica pazzesca per il monegasco che però non riesce a concretizzare alla domenica. Nella prima parte di gara soffre con le gomme medie lamentandosi per la difficoltà nella guida della sua F1-75. Nel secondo stint con gomme dure sembra più a suo agio, l’ingresso della Safety Car lo riattacca a Verstappen ma la Red Bull è imprendibile sul dritto.

CARLOS SAINZ: voto 8 – Il weekend dello spagnolo parte nel peggiore dei modi con l’incidente nelle FP2. Carlos però resetta la testa e cresce nelle FP3 fino alla seconda posizione della qualifica. In gara ha un passo più lento del compagno di squadra ma nel finale fa una magia tendo dietro Perez con gomme più morbide e nuove.

PILOTI A PUNTI

SERGIO PEREZ: voto 7 – Fine settimana lineare per il messicano. Si qualifica al quarto posto e in gara non sorprende complice anche il problema di affidabilità avuto. Dopo la Safety Car, con gomme medie, ci si aspettava che potesse attaccare le due Ferrari ma alla fine rimane in quarta piazza.

GEORGE RUSSELL: voto 8 – La qualifica di sabato è stata un disastro per l’errore del suo team. In gara parte con le gomme dure e all’inizio soffre. L’inglese, però, non demorde e alla fine, complice l’aiuto della Safety Car, scavalca il compagno di squadra e arriva quinto.


Leggi anche: F1 | GP Miami – Sintesi Gara – Verstappen domina, poi resiste: Leclerc è P2, a podio anche Sainz


LEWIS HAMILTON: voto 7 – Dopo il disastroso GP di Imola non poteva che far meglio. Parte in quinta piazza, perde alcune posizioni in partenza e se la gioca con Bottas per la posizione alle spalle di Ferrari e Red Bull. Alla fine la Safety Car non lo aiuta e termina sesto.

VALTTERI BOTTAS: voto 7.5 – Fino a pochissimi giri dal termine stava facendo una gara pazzesca in quinta posizione. Commette però un errore fatale in curva 17 che gli fa perdere due posizioni su entrambi i piloti Mercedes.

ESTEBAN OCON: voto 8 – Il francese sbatte la sua Alpine nelle FP3 compromettendo la qualifica. Parte dunque ultimo e fa un magnifico recupero arrivando fino all’ottava posizione.

FERNANDO ALONSO: voto 6.5 – Nelle libere Alpine sembrava molto competitiva ma in qualifica non raggiunge neanche il Q3. Al via Fernando si tocca con Hamilton mentre a metà gara tampona Gasly prendendo 5 secondi di penalità e concludendo alle spalle del compagno di squadra.

ALEXANDER ALBON: voto 8 – Un altro incredibile punto portato a casa dal tailandese. Sembrava forte al venerdì ma in qualifica soffre e non riesce a raggiungere il Q2. In gara gestisce e approfitta delle disavventure altrui portando a casa un punticino d’oro per la Williams.

DELUSIONI DI GIORNATA

DANIEL RICCIARDO: voto 4 – Ennesimo weekend anonimo per l’australiano. Lando Norris è più veloce di lui anche in questa gara ma è costretto al ritiro per l’incidente con Gasly. L’ex Renault comunque non riesce mai a dare dei segnali di ripresa.

YUKI TSUNODA: voto 5 – Sembrava in forma in questo appuntamento americano anche nei confronti del compagno di squadra Gasly ma non riesce a raggiungere la zona punti.

Seguici anche sui social: Telegram – Instagram – Facebook – Twitter

Marco Cesaroni

Classe 2001, studente di Ingegneria Meccanica presso l'Università degli Studi di Perugia.