F1 | GP Monaco – Analisi microsettori: Leclerc quello con la macchina più bilanciata

Le qualifiche sono appena finite ma per noi in redazione è giunto il momento di guardare i dati: facciamo l’analisi di tutti i microsettori del circuito di Monaco.

analisi microsettori monaco
Analisi microsettori GP Monaco

Facciamo l’analisi dei microsettori del GP di Monaco. La scuderia Ferrari con Charles Leclerc ha conquistato la pole per la gara di domenica. Come saranno andati gli altri team?

Il tracciato del principato è diviso in 21 microsettori, la Mercedes detiene il record su 9 di essi. Dietro il team tedesco troviamo McLaren con 5 e Ferrari con 4. Chiudono la classifica la Red Bull con 2 e l’Alfa Romeo con 1. Il pilota che detiene più microsettori è Valterri Bottas con 8, dei 9 della Mercedes. Dietro il pilota finlandese troviamo Lando Norris con 5 e Carlos Sainz con 4. Chiudono la classifica, con 1 microsettore a testa, Lewis Hamilton, Max Verstappen, Sergio Perez e Antonio Giovinazzi. Il pilota italiano dell’Alfa Romeo, alla prima apparizione nel Q3, è riuscito a far registrare il miglior tempo sulla salita dopo curva 1.

Notiamo subito una cosa: il poleman Charles Leclerc non ha ottenuto nemmeno un microsettore, segno che la sua Ferrari è la vettura più bilanciata nelle stradine di Montecarlo. La Ferrari, con Sainz, detiene il record nei microsettori dove è fondamentale il carico aerodinamico come il rettilineo di partenza e il tornantino di curva 6. La Red Bull è la vettura più veloce nei microsettori dopo il tunnel, l’agilità del telaio fa la differenza. Tutti gli altri microsettori appartengo a team motorizzati Mercedes. Il motore del team tedesco riesce a garantire le migliori prestazioni nelle accelerazioni lungo il circuito. Una bella notizia per i tifosi dell’Alfa Romeo, la vettura italiana è riuscita a tornare nelle posizioni che contano.

Nei circuiti cittadini la cosa più importante è il bilanciamento della macchina, non conta ottenere la migliore prestazione ovunque ma solo quella globale.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

F1 | GP Monaco – Analisi tecnica: Perché la Ferrari va così forte?

 

Federico Martello

Vehicle Engineer student, Euroracing (Indy autonomous challenge) vehicle dynamics team member