F1 | GP Monaco – Ira di Verstappen nel team radio dopo la bandiera rossa [VIDEO]

La bandiera rossa provocata da Charles Leclerc al termine delle qualifiche ha fatto infuriare Max Verstappen che non ha potuto concludere il suo giro. Tutta la sua rabbia è esplosa in un team radio non appena la sessione è stata sospesa.

Verstappen team radio Monaco
Credits: Red Bull

Le qualifiche del GP di Monaco si sono concluse qualche istante prima del previsto a causa della bandiera rossa provocata dall’incidente di Leclerc. Molti piloti stavano migliorando il proprio tempo: tra loro anche Max Verstappen, che stava tentando di attaccare la pole (a Montecarlo fondamentale) dello stesso Leclerc e che, non appena ha visto la bandiera rossa, ha sfogato tutta la sua rabbia in un team radio.

L’olandese era nel tunnel quando ha visto i pannelli luminosi colorarsi di rosso. Appena notati, la sua reazione nel team radio è stata eloquente: “Vaffan**lo, vaffan**lo!”.

Il suo ingegnere ha provato allora a placarlo, avvisandolo anche che la causa era Leclerc che è andato a muro. Ma Verstappen, ancora carico di adrenalina, rincara la dose: “Vaffan**lo. Questo sarebbe stato il fot*uto giro. Ca**o”.

Leggi anche: F1 | GP Monaco – Bottas: “Non so cosa avrei potuto fare di più”

A questo punto Max inizia a calmarsi, grazie anche al suo ingegnere che gli dice di non preoccuparsi visto anche che Hamilton, rivale per il mondiale, partirà soltanto in settima posizione.

Il giro di rientro in pit lane si conclude con l’ingegnere che lo guida fino ai box e si complimenta con lui per la buona prestazione. Per concludere, un Verstappen ormai più calmo e lucido, si apre di nuovo col muretto rammaricandosi per aver commesso un errore in curva 10 nel giro precedente.

Nelle interviste post qualifiche, poi, lo stesso Verstappen ha tenuto a ribadire che senza la bandiera rossa avrebbe probabilmente fatto la pole position.

Seguici anche sui social: Telegram – Instagram – Facebook – Twitter

 

 

Nicola Fedeli

Studente di Scienze Politiche e Relazioni Internazionali. Sono un grande appassionato di F1 e di MotoGP da sempre.