F1 | GP Monaco – Leclerc si ritira prima ancora di partire, l’ing. Mazzola: “Ma come si fa!”

Neanche il tempo di scendere in pista nel pre-gara di Monaco che Leclerc è costretto al ritiro: l’ex ingegnere Ferrari Mazzola commenta il problema.

monaco leclerc mazzola

Gran Premio di Monaco: dopo le qualifiche del sabato Charles Leclerc è in pole position, ma l’apprensione è alta. Il monegasco della Ferrari ha infatti conquistato la partenza dal palo, ma l’incidente negli ultimi istanti di Q3 tiene sotto scacco team e tifosi. A preoccupare la squadra è il cambio che, soggetto a un duro impatto, ha costretto in ansia gli addetti ai lavori della scuderia di Maranello. monaco leclerc mazzola

Al termine di ulteriori analisi nella mattinata della domenica di gara, la Scuderia Ferrari aveva comunicato l’esito positivo del controllo. Cambio integro e nessuna sostituzione richiesta, Leclerc regolarmente in pole position. Sospiro di sollievo, anzi no: appena sceso in pista nei giri durante il pre-gara il 23enne monegasco ravvisa problemi. Mani sul casco e disperazione in radio: “Il cambio ragazzi”, comunica il pilota al muretto, rientrando sconsolato in pit-lane.

Dopo aver riportato ai box per una disperata revisione della vettura, la monoposto di Leclerc non è più scesa in pista. Pochi minuti ed ecco la comunicazione del Cavallino: “Charles non prenderà parte al gran premio a causa di un problema al semiasse sinistro“.

A commentare a botta calda quanto accaduto negli istanti precedenti alla gara di Montecarlo ci ha pensato Luigi Mazzola, ingegnere Ferrari per oltre due decadi e protagonista dell’era Schumacher. Così l’ingegnere sui propri social: “È finita…”. Aggiungendo poi: “Non è possibile!!! Ma come si fa!”.

Parole amare per un ritiro che avviene ancora prima dello spegnimento dei semafori e che preclude a Ferrari e Leclerc la possibilità di giocarsi la vittoria nel GP di casa del pilota di punta del Cavallino.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

 

Francesco Rapetti

Aspirante giornalista, studente di Scienze Politiche all'Università di Genova. Appassionato di Formula 1 fin da piccolo.