F1 | GP Monaco – Qualifiche McLaren, Ricciardo: “Sono confuso, ma Monaco la sento ancora mia. Domani andiamo a caccia di punti”

Il GP di Monaco torna dopo un anno di assenza e lo fa in grande stile. Qualifiche pazze quelle di oggi, che hanno portato buoni risultati anche in casa McLaren. Quinto posto infatti per Lando Norris, mentre Daniel Ricciardo scatterà dalla dodicesima posizione.

GP Monaco qualifiche McLaren
Foto McLaren

 

In casa McLaren l’umore è alto, dopo le qualifiche del GP di Monaco. Lando Norris porta infatti a casa un inaspettato quinto posto, mentre Daniel Ricciardo si ferma alla dodicesima piazza, uscendo in Q2.

È incredulo e felice Lando Norris, nel commentare la sua prestazione. Il britannico sottolinea come due anni fa, nell’ultima edizione del GP di Monaco, non fosse nemmeno arrivato in Q3, rispetto invece all’ottimo risultato di oggi. Una rivincita personale, insomma, oltre che l’ennesima evidenza del percorso di crescita dell’inglese, appena riconfermato dalla McLaren con un accordo pluriennale.

Amareggiato invece Daniel Ricciardo, che in un riscatto a Monaco, il suo circuito preferito, ci sperava. La McLaren però, nonostante le qualifiche deludenti continua ad avere piena fiducia nell’australiano, consapevoli anche della difficoltà di un circuito come quello del GP di Monaco.

Lando Norris

“Qualifiche davvero buone, sono molto contento di partire dalla quinta posizione. Eravamo solo a due decimi dalla pole e solo a mezzo decimo dalla seconda posizione, che non è molto, quindi eravamo davvero vicini. Ma sento comunque di aver fatto un buon lavoro e non credo potessi fare di più in quel giro. Sono davvero felice, anche se sapere che facendo qualcosa di diverso avrei potuto guadagnare mezzo decimo e un bel po’ di posizioni è dura, ma sono comunque soddisfatto del nostro lavoro”.

“È stata una buona giornata ed in generale un buon fine settimana per noi, abbiamo estratto tutto quello che potevamo dalla macchina. Soprattutto nel mio ultimo giro in Q3, abbiamo rischiato un po’, ma è stato tutto ripagato ed è stato sicuramente uno dei migliori giri che io abbia fatto nella mia carriera. Abbiamo fatto un buon lavoro oggi come squadra e dobbiamo solo provare a finirlo domani”.

Daniel Ricciardo

“Al momento mi sento più confuso che frustrato, questa è l’emozione giusta per descrivermi. Ci sono stati alcuni giri che, di sicuro, sono stati un po’ incasinati, il che spiegava forse un paio di decimi mancanti. Da giovedì abbiamo fatto dei progressi e abbiamo continuato così per tutte le qualifiche. Poi mi sono dovuto fermare verso la fine della Q2, quindi non avevamo le gomme che volevamo, il che ci ha penalizzati un po’ nella manche finale.

“Di solito, riesci a sentire quando sei un po’ fuori ritmo, ma per me non è stato così e non mi sento come se avessi dimenticato come si guida su questa pista. Mi sto ancora avvicinando allo stile di guida necessario per ottenere il massimo da questa vettura, e forse questa difficoltà è amplificata qui a Monaco. Ma sappiamo su cosa dobbiamo lavorare e continueremo a spingere per la gara di domani”. 

Andrea Seidl

“Un risultato misto in qualifica per noi oggi. Lando ha continuato a mostrare un ottimo ritmo e ha concluso le qualifiche in quinta posizione, a pochi millisecondi da Verstappen, il che è incoraggiante. Daniel, dopo un inizio difficile qui giovedì, è migliorato continuamente durante le sessioni di oggi. Poi però si è trovato indietro nel suo ultimo run in Q2, non potendo quindi montare le gomme che volevamo. Terminare le qualifiche in P12 ci mette comunque in una buona posizione con Daniel per provare a lottare per dei punti. 

“Complimenti a tutta la squadra per un’altra sessione di qualifiche molto ben eseguita. Questa è una pista iconica, e abbiamo una livrea iconica per celebrarla. Tutto è pronto per una gara emozionante di domani”.

Seguici anche sui social: Telegram – Instagram – Facebook – Twitter

F1 | GP Monaco – Leclerc fa la pole a casa sua: “Felicissimo, ma deluso per il muro. Preoccupato per il cambio”

 

 

Desirée Palombelli

Classe 1999, aspirante giornalista. Studio Relazioni Internazionali a Roma e scrivo di Formula 1.